Fisichella: “In vista del Giubileo occorre valorizzare il tratto da Castel Sant’Angelo alla Porta Santa”

Il tavolo di ascolto sinodale sui pellegrinaggi e il turismo promosso dalla diocesi di Roma. Al presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione il Papa ha affidato la preparazione dell'Anno Santo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Fisichella

Turismo religioso e fede in vista del Giubileo. L’arcivescovo Rino Fisichella è il presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione. Al presule teologo il Papa ha affidato la preparazione dell’Anno Santo. “Il modo in cui si viaggia si venuto a modificare negli ultimi anni- osserva monsignor Fisichella-. Il pellegrino diventa sempre più turista e il turista pellegrino. Arrivano sempre meno gruppi organizzati. E sempre più persone singole. Dobbiamo quindi pensare a un’accoglienza valida sia per gli uni che per gli altri”. Si inserisce tra questi cambiamenti la riscoperta dei cammini. Che attraggono un numero sempre maggiore di viaggiatori.Fisichella

Le priorità secondo mons. Fisichella

“Il mettersi in cammino– ha spiegato l’arcivescovo Fisichella – è un’esperienza che aggrega. Vivere il territorio camminando favorisce lo scambio e l’incontro. In vista del Giubileo bisogna puntare a valorizzare il tratto da Castel Sant’Angelo alla Porta Santa“. All’incontro nell’Aula della Conciliazione del Palazzo Lateranense hanno partecipato rappresentanti ecclesiali, delle istituzioni. E operatori del turismo e dei pellegrinaggi. Tra gli interventi, quelli del cardinale vicario Angelo De Donatis. Dell’arcivescovo Rino Fisichella. Del ministro del Turismo, Massimo Garavaglia. Tra i vari temi emersi, l’avvicinamento al Giubileo del 2025. In un momento in cui la Chiesa è impegnata nel cammino sinodale dedicato all’ascolto. La diocesi di Roma non dimentica di ascoltare una categoria molto importante per una città. E ricca di storia, arte, archeologia. Cioè li operatori del turismo e dei pellegrinaggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.