Catastrofe Ucraina e resistenza della fede: “Restiamo uniti con la preghiera e con pensieri di pace”

L'Azione Cattolica e la preghiera del Rosario per la pace con i fedeli dell'Ucraina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Ucraina

La preghiera per resistere all’orrore della guerra. Mentre in Ucraina infuria la guerra, il Forum internazionale di Azione Cattolica (FIAC) si è unito a tutte le associazioni di Azione Cattolica del mondo. E ieri ha accolto l’appello di Papa Francesco a pregare e a digiunare per la pace. Nelle famiglie. Nelle comunità parrocchiali e diocesane. Nei gruppi. Condividendo con la Chiesa universale un cammino di preghiera.Ucraina

In cammino spirituale

Il percorso spirituale dell’Azione Cattolica è durato una settimana. Ed è iniziato con la speciale recita del Rosario della pace. Insieme con i cattolici dell’Ucraina. La Fiac ha organizzato un collegamento on line. Con i fedeli della parrocchia Nativity of Theotokos Church a Leopoli. A partecipare sono stati i membri di Azione Cattolica. E i fedeli che hanno accolto l’appello papale a dedicarsi intensamente alla preghiera. Affinché “la Regina della pace preservi il mondo dalla follia della guerra“.Ucraina

La sofferenza dell’Ucraina

“Ancora una volta la pace di tutti è minacciata da interessi di parte– sottolinea papa Francesco-. Vorrei appellarmi a quanti hanno responsabilità politiche. Perché facciano un serio esame di coscienza. Davanti a Dio. Che è Dio della pace. E non della guerra. Che è Padre di tutti. Non solo di qualcuno. Che ci vuole fratelli. E non nemici”. Il Pontefice si rivolge a tutte le parti coinvolte. Perché “si astengano da ogni azione che provochi ancora più sofferenza alle popolazioni. Destabilizzando la convivenza tra le nazioni. E screditando il diritto internazionale“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.