La sfida della pastorale giovanile. Il metodo educativo di don Giussani

Diocesi di Tursi-Lagonegro, mercoledì il primo convegno del 2021 sulla sfida educativa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Giussani

Il “Rischio educativo” è un’opera scritta da don Luigi Giussani dopo 20 anni di
esperienza con i giovani. Per don Giussani educare le nuove generazioni al “senso religioso” significa innanzitutto aiutarle a riconoscere lo straordinario valore di questa loro ricerca. Mercoledì sì terrà un convegno sulla sfida educativa all’Anfiteatro di Nova Siri Marina. Ad organizzarlo è la Commissione per la pastorale giovanile, l’educazione, la scuola e l’università. La diocesi di Tursi-Lagonegro invita insegnanti ed educatori all’appuntamento dedicato alla formazione dei giovani.Giussani

La lezione di don Giussani

Sarà presentato il metodo educativo di don Luigi Giussani. Il programma prevede l’introduzione di don Pino Marino, direttore della Commissione. Terrà la relazione monsignor Andrea Bellandi. Arcivescovo metropolita di Salerno-Campagna-Acerno. Concluderà monsignor Vincenzo Orofino. Vescovo di Tursi-Lagonegro. Modererà l’incontro Giovanna Tarantino. Dirigente scolastico dell’Istituto di istruzione superiore  “Enrico Fermi” di Policoro. L’appuntamento è per mercoledì 13 ottobre, dalle ore 17 alle ore 19.Giussani

Liberare i giovani

Quella di don Giussani è una proposta educativa fondata sulla comunicazione di una tradizione. Che, tuttavia, ha lo scopo di liberare i giovani. E di metterli nelle condizioni migliori per valutare criticamente ogni aspetto della realtà. “Il tema principale, per noi, in tutti i nostri discorsi, è l’educazione“, diceva il fondatore di Comunione e Liberazione. Facendo tesoro della sua esperienza di insegnante. Prima al liceo Berchet di Milano e poi all’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.