“Mas por menos”: al via la colletta nazionale in Argentina

Padre Manigutti: "E' un appello alla generosità del nostro popolo"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:49

Nessuno può dare tutto, ma tutti possiamo dare qualcosa“. E’ questo il motto della colletta nazionale “Mas por menos” promossa, come ogni anno, dalla Conferenza episcopale dell’argentina, in particolare dalla Commissione episcopale per gli aiuti alle religioni bisognose.

La colletta

Quest’anno, sebbene l’evento sarà concentrato principalmente il 12 e il 13 settembre, sarà comunque possibile donare per tutto il mese di settembre. A causa della pandemia di coronavirus e delle conseguenti restrizioni e norme di sicurezza per evitare la diffusione del contagio, l’evento si svolgerà principalmente sui social e online.

La raccolta di quest’anno – si legge nel sito dell’agenzia cattolica Aica – sarà di grande aiuto per poter far fronte alla grande crisi economica e sociale che sta attraversando la nostra gente, motivo per cui ricorriamo ancora una volta alla generosità di tutti, pur sapendo che la situazione generale è difficile per tutti”.

Un aiuto per i più bisognosi

Padre Walter Minigutti, intervistato da Elonce Tv, ha affermato che quest’anno si cercherà di condividere le donazioni che arriveranno con i più bisognosi. “E’ un appello alla generosità del nostro popolo – ha affermato -. E’ una raccolta nazionale dove chi ha di più aiuta chi ha di meno, e attraverso la chiesa cerchiamo di raggiungere le diverse parrocchie, scuole e tante associazioni di beneficenza. La chiesa vuole contribuire all’integrità fisica e sociale del nostro popolo“.

Come donare

E’ possibile effettuare la donazione in diverse modalità. Tutti i dettagli sono disponibili sulla pagina  www.colectamaspormenos.com.ar o, scrivendo una mail ufficiale: [email protected]

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.