Cei: “Ok assegno unico contro la denatalità, ma su famiglia serve cambio culturale”

Bassetti all'Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana: "Basta morti sul lavoro, è un'emergenza da affrontare"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
studenti

I vescovi italiani promuovo l’assegno unico per contrastare il calo demografico, ma chiedono sulla famiglia un cambio culturale perché su questo “non sono accettabili soluzioni al ribasso”. Lo ha detto il Presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, cardinale Gualtiero Bassetti, all’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana in corso a Roma.

“Sono ormai più di trent’anni che la nostra Conferenza puntualmente ricorda la questione demografica: quello che allora si profilava e che con chiarezza avevano illustrato gli esperti, oggi, per l’implacabile legge dei numeri, è manifestamente presente a tutti. Per risalire la china – sottolinea Bassetti – servono ovviamente gli interventi di carattere fiscale e amministrativo, riassunti ad esempio nell'”assegno unico” in via d’implementazione per tutte le categorie di lavoratori e lavoratrici, servono le politiche attive del lavoro soprattutto femminile, rispettose dei tempi della famiglia e della cura dei figli”.

Sulla famiglia necessario un approccio “culturale” e “spirituale”

Ma per la Cei “è necessario un approccio culturale” e “spirituale”. “Non sono in gioco gli schieramenti politici e gli interessi, peraltro mutevoli, delle forze politiche. È in gioco l’atteggiamento verso il futuro, nei confronti del quale l’inverno demografico e il calo della fecondità denunciano uno strutturale malessere. Per scaldarsi dal freddo dell’inverno serve un modello di sviluppo chiaro nei principi e negli indirizzi di fondo che sappia non solo farsi carico, ma armonizzare in un quadro organico le varie stagioni della vita, dagli anziani ai bambini”, dice il Presidente Cei aggiungendo: “Sulla trasmissione e sullo sviluppo della vita e della famiglia non sono accettabili soluzioni al ribasso”.

Cei: “Basta morti sul lavoro, è un’emergenza da affrontare”

I vescovi italiani – riuniti a Roma – chiedono inoltre maggiore impegno sulla sicurezza sul lavoro. “A proposito di lavoro – ha detto il Presidente della Cei all’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana – chiediamo un’attenzione perché questo avvenga sempre in condizioni sicure. Basta morti sul lavoro! È un’emergenza da affrontare: servono una strategia e una forte iniziativa nazionale che coinvolga tutti, Governo, Istituzioni e cittadini. Ci auguriamo che si proceda in tal senso”.

Qui il testo completo dell’Introduzione del Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e Presidente della CEI, in apertura dei lavori della seconda giornata della 74ª Assemblea Generale che vede riuniti a Roma, fino a giovedì 27 maggio, oltre 200 Vescovi italiani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.