BERGOGLIO A NEW YORK, LA SEDIA PER LA MESSA AL MADISON SQUARE GARDEN SARA’ REALIZZATA DA 3 IMMIGRATI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:30

Si avvicina sempre di più la data in cui Papa Francesco partirà alla volta degli Stati Uniti per il suo viaggio apostolico e negli Usa già fervono i preparativi. Di grande significato sarà la sedia su cui siederà il Santo Padre per la messa prevista per il 25 settembre a al Madison Square Garden di New York. Si tratta di una sedia semplice, in legno povero, ma di enorme valore simbolico: è stata realizzata in un garage della contea di Westchester, nello Stato della Grande Mela, da Fausto Hernandez, Hector Rojas e Francisco Santamaria, tre immigranti stagionali ispanici. Lo riferisce L’Osservatore Romano. E così la “silla sagrada” ha già meritato un editoriale del New York Times proprio perchè vuole essere “un simbolo di umiltà e non un trono”, tengono a precisare i tre immigrati.

A commissionare “una sedia semplice per un Papa che ama la semplicità” è stato proprio il cardinale arcivescovo di New York Timothy Dolan. Il suo obiettivo, ha spiegato, era soprattutto quello “di puntare i riflettori sulle difficoltà dei lavoratori immigrati, spesso privi di documenti e vittime di sfruttamento da parte dei datori di lavoro”. In particolare, i tre artigiani lavorano nell’ambito delle cooperative salesiane e provengono rispettivamente da Repubblica Dominicana, Nicaragua e Messico. E’ una storia che ben delinea contenuti e prospettive della preparazione, negli Stati Uniti, per l’arrivo di Francesco. Un’attesa forte, come confermano anche i diecimila volontari che si sono già messi a disposizione per garantire l’accoglienza a Philadelphia, in occasione dell’incontro mondiale delle famiglie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.