La beata di Cinisi sarà proclamata santa

Lo ha annunciato il Santo Padre durante il Concistoro ordinario pubblico. Maria di Gesù Santocanale, fondatrice delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes, sarà canonizzata il 15 maggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45

L’Arcivescovo di Monreale monsignor Michele Pennisi ha reso noto che “il Santo Padre Francesco oggi venerdì 4 marzo, durante il Concistoro ordinario pubblico, ha annunciato che la nostra beata Maria di Gesù Santocanale, fondatrice delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes, sarà iscritta nell’albo dei santi il prossimo 15 maggio 2022 in Piazza san Pietro“.

“Con vera gratitudine eleviamo il nostro ‘grazie’ alla santissima Trinità origine di ogni santità – continua l’arcivescovo – per il dono della prossima canonizzazione della Beata Madre Maria di Gesù Santocanale, la cui storia vocazionale è legata alla città di Cinisi, dove si è distinta per la sua opera di evangelizzazione e di promozione umana a favore degli ultimi, ai quali ha voluto che si spezzasse il pane materiale, il pane della Parola di Dio e il Pane Eucaristico“.

“La vita della prossima santa Maria di Gesù Santocanale, è stata un dono speciale della bontà misericordiosa di Dio non solo per la Chiesa di Monreale e per le Chiese dove è viva la sua memoria attraverso la presenza delle Suore da lei fondate”, ha dichiarato monsignor Pennisi. “In questa occasione sarà organizzato un pellegrinaggio diocesano”

“Ci auguriamo che la canonizzazione della Madre Maria di Gesù Santocanale, che è un ulteriore  segno del passaggio di Dio nella nostra chiesa diocesana – conclude l’arcivescovo di Monreeale – oltre a rilanciare il carisma della Congregazione da Lei fondata, possa contribuire  a far crescere il desiderio di santità in tutti i membri del popolo santo di Dio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.