Ambrosianeum, la città della Madunina dopo il Covid

“Ripartire: il tempo della cura”. Stamattina è stato presentato “Rapporto sulla città-Milano 2021”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Ambrosianeum
L'arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, prega al cospetto della Madunina - Foto © Ansa

La fondazione Ambrosianeum è nata nel 1948. Da un’idea del cardinale Ildefonso Schuster, arcivescovo di Milano. E dall’impegno di due esponenti della società civile. Enrico Falck e Giuseppe Lazzati. Da allora Ambrosianeum è strumento di dialogo e incontro. Voce autorevole e spazio di cultura cristiana. Presenza viva nel panorama culturale di Milano. Ambrosianeum

Alla sede dell’Ambrosianeum

Stamattina, nella sede di via delle Ore, la Fondazione culturale Ambrosianeum ha presentato il “Rapporto sulla città– Milano 2021”. Intitolato “Ripartire: il tempo della cura”. Sono intervenuti Floriana Cerniglia. Ordinario di Economia politica all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ed Elio Franzini. Rettore dell’Università degli Studi di Milano. Con loro Marco Garzonio. Presidente della fondazione Ambrosianeum. E Rosangela Lodigiani. Curatrice del Rapporto sulla città. L’evento si è svolto in presenza. Con l’applicazione di tutte le norme di sicurezza previste.

 Ambrosianeum
Milano, piazza Duomo

Milano riparte

“Milano ancora una volta è pronta a ripartire. Segnata dai lutti e dalle sofferenze dei mesi passati. Consapevole delle fatiche del presente. Dei lasciti economici. Sociali. Sanitari. Della pandemia. A cui è urgente dare risposta. Nessuna soluzione facile e immediata è a portata di mano. I dati sono lì a dimostrarlo. Ma un cammino di cambiamento da condividere”, si legge nel Rapporto 2021. Che, secondo la fondazione, racconta, “con la polifonia di voci e punti di vista che lo contraddistingue, le vie della resilienza. E della ripresa della città”. Lo fa soffermandosi su temi. Tra i quali “il governo della polis e del territorio. Le reti della socialità e della solidarietà. Il diritto all’educazione e alla salute”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.