A luglio il prossimo viaggio apostolico in America Latina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

In un breve colloquio con il quotidiano La Razon in Vaticano, Francesco avrebbe confermato, a livello informale, che nel luglio di quest’anno visiterà la Bolivia nell’ambito di un tour latino-americano che includerà anche Paraguay ed Ecuador. All’uscita della cerimonia finale del congresso sui bambini e l’istruzione, cui hanno partecipato esperti provenienti da 40 Paesi e direttori dei maggiori media del Sud America, il Papa avrebbe parlato molto brevemente con il direttore de La Razon, inviando “un grande abbraccio a tutti i boliviani, dai quali andrò nel mese di luglio”. Non specificando i giorni di arrivo nel Paese, avrebbe quindi confermato quanto già detto dal presidente boliviano Evo Morales: “Non ho incontrato il Papa, ma ho ricevuto questo messaggio: nel mese di luglio sarà qui. Egli viene prima in Paraguay, poi in Bolivia ed Ecuador, ma non so esattamente quanti giorni sarà in Bolivia”.

Il Pontefice aveva già annunciato un viaggio in Sud America tornando da Manila. Negli stessi istanti la visita veniva confermata dal presidente della Bolivia Evo Morales in un’intervista al quotidiano nazionale “la Paz”. Non si è parlato del Messico che il Pontefice vorrebbe visitare, in particolare vorrebbe recarsi sul confine tra il grande Stato centroamericano e gli Usa, una zona definita la “Lampedusa d’America”. Per il vescovo di Roma sarà, in ogni caso, un anno impegnativo visto che, dopo la fine della stagione delle piogge, andrà anche in Uganda e nella Repubblica Centrafricana. In Uganda, in particolare, avrebbe voluto già andare per ricordare i 45 anni del viaggio di Paolo VI, nel luglio 1969.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.