Sequestro di persona, rapina ed estorsione: sgominata baby gang

La baby gang composta da ragazzi imparentati con esponenti della criminalità locale di Riposto, in provincia di Catania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:33

Una baby gang composta da ragazzi imparentati con esponenti della criminalità locale di Riposto (Catania) è stata sgominata da carabinieri della compagnia di Giarre che ha arrestato quattro minorenni e un maggiorenne, all’epoca dei fatti minorenne. I reati ipotizzati nei confronti degli indagati sono sequestro di persona, rapina ed estorsione aggravate.

I provvedimenti che dispongono il loro collocamento in comunità sono stati emessi dai gip dei Tribunali per i minorenni e distrettuale di Catania su richiesta delle rispettive Procure. Ad un sesto maggiorenne è stato notificato un avviso di conclusione indagini.

Secondo l’accusa avrebbero condotto un commerciante e i suoi due figli a seguirli in un luogo appartato per schiaffeggiarli e per far chiedere loro scusa per una presunta ‘offesa’. Agli indagati è contestata anche “l’intimidazione, derivante anche dall’appartenenza a già noti ambienti criminali” di Riposto.

Affidati alle comunità di recupero

I quattro minori ed il maggiorenne sono stati affidati ad altrettante comunità nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Ragusa e Siracusa.

Al maggiorenne, che ha 19 anni, è stata applicata anche la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria due volte al giorno, nonché di tenersi a non meno di 500 metri dall’abitazione delle vittime e dal luogo delle attività criminose contestate.

Le indagini dei carabinieri sono state avviate dopo la denuncia e la collaborazione delle vittime.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.