Rubano un'auto in 55 secondi: il video è virale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:21

Abilità, destrezza e rapidità. Non sono le caratteristiche di un calciatore particolarmente abile ma i dubbi “talenti” messi in mostra da due malviventi foggiani che, in una zona industriale della città, hanno dimostrato di saper effettuare un furto d'auto letteralmente a tempo di record. Tutto avviene in un parcheggio, alcuni giorni fa, nell'area destinatata alle vetture dei clienti di un centro commerciale: i due si avvicinano di soppiatto, entrambi a bordo di un'auto e con indosso delle felpe per non farsi vedere in volto. E' solo uno dei due a compiere il furto però, avvicinandosi a una berlina, forzando il finestrino e accendendo il motore dopo aver armeggiato per qualche secondo con il quadro dell'auto. Tutto avvenuto in meno di un minuto, 55 secondi per l'esattezza, sufficienti per piazzare quello che sarebbe stato un colpo pulito se non ci fosse stata una telecamera di videosorveglianza puntata proprio su quell'area del parcheggio. Il complice dell'uomo, rimasto in auto, ha infatti coperto le gesta del compagno solamente agli automobilisti che transitavano, non badando al dispositivo di controllo che li stava inquadrando.

Video virale

Le immagini immortalate dalla telecamera hanno fatto in breve tempo il giro del web, dove il furto-lampo è stato commentato ampiamente e, soprattutto, cliccato. Del resto, anche in questo caso il contesto sembra contare poco o, perlomeno, non quanto le caratteristiche “social” del video, che a diventare virale non c'ha davvero messo niente. Con la speranza che, perlomeno, sia utile per l'identificazione di due che, tolto il lato grottesco della vicenda, è stato comunque un furto riuscito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.