Macron: “Solo chi non studia fa tanti figli”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Fare tanti figli sarebbe una prerogativa delle persone ignoranti. Questo lascia supporre Emmanuel Macron, che intervenendo ad una conferenza dell'Onu a New York, come riferisce il Guardian, è tornato ad evocare la questione della pianificazione familiare in Africa sostenendo che la genitorialità spesso non è una scelta. “Dico sempre – ha detto -, presentatemi una donna che stata perfettamente educata e abbia sette, otto o anche nove figli. Per piacere – ha proseguito – presentatemi una ragazza che decide di lasciare la scuola a dieci anni per potersi sposare a dodici”. Le donne che hanno tanti figli, dunque, sarebbero poco istruite.

Benché l'inquilino dell'Eliseo si sia riferito solo alle donne africane, le sue parole hanno suscitato indignazione tra le madri di tutto il mondo. Ne è nata una campagna sui social con l'hashtag #PostcardsForMacron, per inviare immagini da indirizzare a Macron in cui sono ritratte famiglie numerose e felici. Sono centinatia – come riferisce LifeSiteNews – le mamme orgogliose di esserlo che stanno inviando foto per dimostrare di essere “perfettamente istruite” e di avere “sette, otto, nove figli”. Uno dei tweet che ha riscosso più successo è stato quello della dott.ssa Catherine R. Pakaluk, che ha conseguito il dottorato in Economia presso l'Università di Harvard e ora è assistente alla School of Business and Economics di Busch e membro dell'Institute for Human Ecology presso la Catholic University of America. La Pakaluk ha pubblicato la sua foto insieme a sei figli dei suoi otto figli con la scritta “otto figli per scelta”. Ma dei messaggi al presidente francese giungono anche dall'Africa. Ad esempio ha aderito alla campagna social Eric Kigozi, che ha pubblicato la foto della sua famiglia completa corredata dalla scritta “Mia moglie, un medico e madre di sette figli”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.