Incatena la nipote 25enne e tenta darle fuoco, arrestato

In carcere un 49enne della provincia di Taranto. Legava al letto anche sorella malata e perpetrava violenze psichiche ai nipoti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00

Una brutta vicenda arriva da dalla provincia di Taranto. Un uomo di 49 anni ha provato a dare fuoco alla nipote 25enne, dopo averla immobilizzata con una catena. Il suo tentativo è fallito grazie al provvidenziale intervento di altri familiari. L’uomo ospitava da circa un anno e terrorizzava la sorella malata e i due figli della donna, una 25enne che si era ribellata alle ripetute vessazioni e un ragazzo affetto da disagi psichici; è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura ionica in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona.

Come riporta Ansa, la vicenda è stata scoperta grazie alla denuncia della ragazza, che fino a 19 anni aveva vissuto in una Comunità per poi ricongiungersi finalmente con madre e fratello. I tre erano andati a vivere dall’inizio dello scorso anno nell’abitazione dello zio materno, che si era offerto di ospitare i suoi familiari, ma sin dai primi momenti la convivenza con l’uomo si era rivelata difficile.

L’importanza della denuncia da parte della vittima

L’uomo, secondo quanto riferito alla Polizia, per affermare la sua autorità non esitava a legare al letto la mamma della ragazza – sua sorella – e a operare sistematicamente violenze soprattutto psichiche nei loro confronti. La 25enne non ha però voluto cedere alle continue vessazioni dello zio e ha spesso reagito, provocando l’ira dell’uomo. Sempre più indispettito dal non riuscire ad avere il dominio assoluto anche sulla nipote, il 49enne è arrivato a legarla con una catena, ogni qualvolta si assentava da casa. La giovane vittima, con il supporto di una educatrice, ha ricostruito le violenze familiari, raccontando per filo e per segno quanto avvenuto tra le mura domestiche, e ha così consentito l’arresto dello  zio.

La polizia ha posto fine agli orrori

L’uomo, a quanto si è appreso, era arrivato persino a praticare un foro nel muro divisorio tra la sua stanza e quella della 25enne per farvi passare la lunga catena che teneva immobilizzata la ragazza. In una occasione ha tentato di darle fuoco, cospargendola di liquido infiammabile, ma la mamma e il fratello maggiore sono riusciti a frapporsi facendo perdere all’uomo l’accendino. Dopo aver raccolto le loro testimonianze, il personale specializzato della Squadra Mobile ha avviato le indagini che si sono concluse in breve tempo con il provvedimento cautelare, emesso dal giudice delle indagini preliminari, che ha infine spezzato quella spirale di violenze e sopraffazioni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.