Addio a Massimo Cuttitta, leggendario pilone dell’Italrugby

L'ex nazionale azzurro è scomparso a soli 54 anni a causa del Covid. Con il gemello Marcello fece la storia dell'Italia e dell'Amatori Milano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:40
Massimo Cutitta

Nato a Latina, di origine napoletana e una vocazione per il rugby scoperta in Sudafrica, dove si trasferì con la famiglia in anni difficili. Una storia che è un po’ una leggenda quella di Massimo Cuttitta, ex pilone dell’Italrugby, scomparso a soli 54 anni. Portato via, come sua mamma pochi giorni fa, da un avversario chiamato Covid. Un rivale che non rispetta regole e che non può essere sconfitto in mischia. Quelle in cui Maus, come era soprannominato, ci si trovava meravigliosamente bene. Pilone e uomo-guida, quasi 70 partite in nazionale e un monumento del rugby di casa nostra.

Cuttitta, campione a Milano

Ma del resto, la famiglia Cuttitta l’ovale ce l’aveva nel sangue. Il fratello maggiore, Michele, lo praticò a livello dilettantistico. Il gemello di Massimo, Marcello, fu ala storica della Nazionale, che il rugby d’altissimo rango lo assaggiò già ai Mondiali del 1987, poco dopo il ritorno in Italia dal Sudafrica. Massimo attenderà ancora qualche anno: 1990, con l’insediamento del francese Bertrand Fourcade sulla panchina azzurra. Da lì sarà un’ascesa continua, con ben due mondiali giocati accanto al suo gemello (1991 in Inghilterra e 1995, proprio in Sudafrica) e una man bassa di titoli nazionali. Assieme a Marcello e ad altri fuoriclasse dell’epoca (come Dominguez, Vaccari e Croci) costruì un decennio d’oro, che valse quattro titoli nazionali e una Coppa Italia.

Leggenda azzurra

Ma anche in nazionale, nonostante l’assenza di una bacheca di prestigio, Massimo Cuttitta il suo contributo lo ha portato eccome. I 69 caps di Maus, registrati nell’arco di un decennio (1990-2000) gli valsero una fama di tutto rispetto. Anche Marcello, ala, qualcosa di buono lo ha fatto: 54 caps e 24 mete in azzurro, record ancora imbattuto. Su un periodo più lungo però, dal 1987 al 1999. Uno accanto all’altro hanno vissuto forse l’epopea più brillante della storia azzurra. Le battaglie vinte sul campo sono valse a entrambi l’ingresso nell’olimpo dei più grandi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.