SABATO 16 FEBBRAIO 2019, 00:04, IN TERRIS

FRANCIA

Gli insegnanti non potranno più dire "padre" e "madre"

Approvato un emendamento voluto dal partito di Macron contro termini definiti "obsoleti"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Emmanuel Macron
Emmanuel Macron
L

a Francia vuole "aprire" le scuole del Paese alla "mutata realtà sociale". Perciò l'Assemblea nazionale nei giorni scorsi ha votato a favore di un emendamento, promosso da En March, il partito del presidente Emmanuel Macron, che vieta al corpo docente, durante le ore di lezione, l’utilizzo delle parole “padre” e “madre”. I termini vengono definiti “obsoleti”, pertanto da sostituire con i termini “genitore 1” e “genitore 2”. Questi ultimi dovranno inoltre figurare sui documenti ufficiali redatti dalle istituzioni educative.


"Adeguarsi alla modernità"

L'intento è quello di non “penalizzare le famiglie omosessuali”, come ha detto Macron in Parlamento spronando i deputati a votare favorevolmente alla proposta del suo partito. Come riferisce Il Giornale, il ministro dell’Educazione nazionale, Jean-Michel Blanquer, ha quindi ribadito l’utilità della riforma evidenziando il “ruolo fondamentale” degli insegnanti nell’“aiutare i giovani ad adeguarsi alla modernità e a rigettare ogni tentazione discriminatoria”. Ad appoggiare la riforma tutti i partiti di sinistra, mentre è stata respinta con sdegno da partiti conservatori. Il partito di centrodestra Les Républicains ha bollato il piano della maggioranza come inteso a “disumanizzare la famiglia” e come espressione di un’“ideologia abominevole, diretta a cancellare i fondamenti valoriali della comunità civile”. Anche Marine Le Pen, leader del movimento nazionalista Rassemblement National, ha condannato il provvedimento sostenuto dall’esecutivo, accusando Macron di volere “mettere sottosopra” la società francese e di volere “avvelenare le menti dei bambini, malleabili e non ancora strutturate”. La Le Pen ha quindi tacciato l’inquilino dell’Eliseo di volere fondare lo Stato su una “radicale filosofia del politicamente corretto”.


La critica dei vescovi francesi

“Ancora una volta, ci rammarichiamo di constatare il tentativo del Parlamento di decostruire la realtà familiare con il pretesto di unificare” i moduli amministrativi, scrive il presidente dell’organismo della Conferenza episcopale francese, mons. Bruno Feillet, vescovo ausiliare di Reims. “Lungi dall'essere ‘arretrato’ o ‘superato’ - prosegue -  questa pratica di mettere ‘padre’ e ‘madre’ permette a ciascuno di noi di identificarci nelle generazioni successive. La scuola, in particolare, deve partecipare a questa percezione profondamente strutturante”. Ciò rappresenta per mons. Feillet l’ennesima forma “della teoria del genere che vorrebbe rendere indifferente avere genitori dello stesso sesso o di sessi diversi. Inoltre, in nessuna famiglia, comprese le poche famiglie in cui ci sono due adulti dello stesso sesso, ci presentiamo come un genitore 1 e genitore 2”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Le 5 criticità della Manovra

Non si può nascondere che la maggioranza sia un po’ in affanno e che la corsa verso la redazione e...
Le ambulanze della
TESTIMONIANZA

Nadia Toffa, la morte non ha l'ultima parola

Fondazioni, premi, ambulanze: quando l'impegno sociale diventa memoria condivisa
SOLIDARIETÀ

Roma-Robe, il ponte della misericordia

Presepe solidale della Comunità Missionaria di Villaregia in aiuto dell'Etiopia
EXPORT

Record storico: spumante supera champagne

Mai tante bollicine italiane esportate nel mondo (+ 9%). Ora la battaglia è sulle etichette Ue
Una foto del luogo dell'incidente in provincia di Venezia - Foto © Vigili del Fuoco / Ansa
ALLARME SOCIALE

Sempre più giovani vittime del sabato sera

Asaps: "In due mesi, morti in cinquanta". E c'è chi parla di strage
Igor Mitoraj, Cristo risorto, Basilica di Santa Maria degli Angeli, Roma

In Cristo, nasciamo uomini nuovi

"Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?" chiedono a Gesù i discepoli di Giovanni...
Imprese
IMPRESE

Il Lazio è la prima regione per crescita delle esportazioni

Il settore farmaceutico traina l'exoport nel terzo trimestre del 2019. Gli investimenti nella formazione e la sfida della...
Una sardina ai piedi della Basilica romana
LA MANIFESTAZIONE

Le Sardine conquistano Roma

Trentacinquemila persone, San Giovanni è invasa: "Abbiamo raggiunto l'obiettivo"
BRESCIA

Due ciclisti travolti e uccisi da un'auto

Nel milanese lo scontro tra una Opel e un autobus ha provocato tre feriti
I famosi
BARI

Traffico di falsi di Nino Caffè: 43 a giudizio

Sequestrate 21 opere attribuite falsamente al maestro e poi vendute come originali in internet
Papa Francesco
UDIENZA

Il Papa alle ausiliari diocesane: "In voi il dono della dedizione"

Il Santo Padre riceve le collaboratrici apostoliche di Padova e Treviso
La I° edizione del Premio
APPUNTAMENTI IN CALENDARIO

Premi e rassegne del Natale solidale

Dal progetto etico "Con il sole sul viso" ai Comuni che per le feste natalizie puntano sul volontariato: l'impegno...