Ucraina, Onu: “Oltre 4.000 vittime civili”. Zelensky: “Russia Colpevole nel Donbass di genocidio”

Il novantatreesimo giorno di guerra in Ucraina si apre con gli attacchi russi nella regione di Dnipropetrovsk

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40
Tartu 06/04/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: veglia funebre ONLY ITALY

Sfiora quota 4.000 il bilancio delle vittime civili accertate in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio scorso: lo ha reso noto l’agenzia delle Nazioni Unite per i diritti umani, secondo quanto riporta il Kiev Independent. Gli abitanti uccisi finora dalle forze russe sono infatti almeno 3.998 (dato aggiornato a mercoledì), mentre i civili feriti sono almeno 4.693. L’agenzia ritiene comunque che i dati effettivi siano molto più alti.

Ucraina: sale a 241 il bilancio bambini morti

E’ salito a 241 il numero dei bambini ucraini morti dall’inizio dell’invasione russa, mentre 438 sono rimasti feriti. Lo riferisce la Procura generale di Kiev citata da Ukrinform. Il maggior numero di vittime tra i bambini si registra nella regione di Donetsk.

ucraina bucha morti
Bucha 06/04/2022 – guerra in Ucraina / foto Imago/Image. Nella foto: funerale

Attacchi nella regione orientale di Dnipropetrovsk

Il novantatreesimo giorno di guerra in Ucraina si apre con gli attacchi russi (nella notte e in mattinata) nella regione di Dnipropetrovsk, nell’Ucraina orientale. Lo riferisce il capo dell’Amministrazione militare regionale Valentyn Reznichenko, riportato da Ukrinform e Ansa. “Ci sono stati diversi attacchi. Gravi distruzioni”, ha dichiarato, spiegando che i soccorritori stanno scavando tra le macerie alla ricerca di feriti o vittime. Anche il sindaco di Novomoskovsk, Sergii Rieznik, ha detto che a Dnipro sono state udite esplosioni: “In mattinata sono state segnalate esplosioni, stiamo aspettando informazioni ufficiali dall’amministrazione militare”.

Sale il bilancio delle vittime civili a Kharkiv e a Severodonetsk

E’ salito ad almeno nove, incluso un bambino di 5 mesi, il bilancio delle vittime civili provocate dai bombardamenti russi avvenuti ieri nella città di Kharkiv (nell’Est dell’Ucraina), mentre i feriti sono almeno 19. Lo hanno reso noto le autorità locali, secondo quanto riporta il Kyiv Independent. La città à stata di nuovo presa di mira dal fuoco russo la notte scorsa.

Sempre ieri altre sette persone – di cui quattro nella città di Severodonetsk – sono state uccise dalle bombe nella regione ucraina del Lugansk (nell’Est). Lo ha reso noto su Telegram il governatore regionale, Sergiy Gaidai, secondo quanto riporta il Kyiv Independent.

Usa: Biden si prepara ad inviare armi più potenti

L’amministrazione Biden si sta preparando a inviare all’Ucraina armi più potenti nell’ambito di un nuovo pacchetto la prossima settimana. Lo riferiscono fonti dell’amministrazione alla Cnn. Si tratterebbe in particolare di sistemi di missili a lungo raggio, Multiple Launch Rocket System o MLRS, che da tempo sta chiedendo Zelensky. Le armi, prodotte negli Stati Uniti, possono sparare una raffica di razzi per centinaia di chilometri, molto più lontano di qualsiasi altro sistema già presente in Ucraina, e secondo Kiev potrebbe essere il punto di svolta nella loro guerra contro la Russia.

Donestk 05/04/2022 – guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: militari russi

Zelensky: “La Russia nel Donbass sta commettendo un genocidio”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è tornato ad accusare la Russia di compiere un “genocidio” nel Donbass. Nel suo quotidiano video-discorso serale, Zelensky ha affermato che la Russia sta praticando la “deportazione” e “l’uccisione di massa di civili” nel Donbass, precisando che “tutto questo è un’evidente politica di genocidio”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.