Super Green pass: scattano le prime sanzioni, ecco chi ha preso la prima multa

Oggi è entrato in vigore il Super Green Pass....e già dalle prime ore della mattina sono fioccate le prime sanzioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:23

Primo multato nella Capitale – e probabilmente primo in Italia – durante i controlli del Green pass per i passeggeri di bus e metro. A sanzionare l’uomo gli agenti della polizia locale alla fermata dei bus di piazzale Flaminio. L’uomo era appena sceso dall’autobus quando gli agenti gli hanno chiesto di esibire il certificato verde. “Non ce l’ho perché volevo vaccinarmi nei prossimi giorni” si è giustificato il 50enne romeno. Per lui è scattata una sanzione di 400 euro. Qui tutte le sanzioni in vigore da oggi.

Record di download

Oggi si registra, d’altro canto, anche il nuovo record di Green pass scaricati. Sono esattamente 1.310.001 tra quelli “base” e “rafforzati” registrato nelle ultime 24 ore. In particolare, secondo quanto emerge dai dati del sito del governo, sono quasi un milione (968.069) i Green pass scaricati ieri per avvenuta vaccinazione. Sono 336.563 quelli per l’effettuazione di un tampone e 5.369 per guarigione dal Covid.

Doppia dose ma senza certificato, il bus ritarda

Una donna aveva avuto somministrata la doppia dose di vaccino anti Covid, ma non aveva scaricato il Green pass e voleva comunque salire su un autobus che collega Lercara Friddi a Palermo, in Sicilia.

La donna, che è stata bloccata perché sprovvista del certificato, ha protestato vivacemente, tanto da fare intervenire i carabinieri. Così il pullman è partito con mezz’ora di ritardo.

Ma – sottolinea Ansa – senza di lei. Dall’Asp hanno successivamente confermato che la signora aveva realmente ricevuto due dosi di vaccino, ma non aveva scaricato il certificato verde’. Dura lex sed lex, dicevano i latini. Qui tutte le regole in vigore da oggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.