Siria: i terroristi attaccano un bus esercito, numerosi morti

In Afghanistan una granata dell'Isis ha colpito un veicolo della polizia talebana in un quartiere nell'ovest di Kabul, ferendo degli studenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:40
Siria
Un raid in Siria (immagine di repertorio)

Numerose persone sono morte oggi in seguito ad un attacco terroristico realizzato con due ordigni esplosivi contro un autobus dell’esercito a Damasco, in Siria: lo riporta l’agenzia di stampa ufficiale SANA. L’attentato è avvenuto mentre il bus attraversava il ponte Raiss della capitale siriana.

Afghanistan: granata contro veicolo polizia a Kabul

Passando da uno scenario terroristico all’altro, una granata ha preso di mira stamani un veicolo della polizia talebana in un quartiere nell’ovest di Kabul, in Afghanistan, ferendo diverse persone. Lo hanno reso noto funzionari talebani.

“Una granata è stata lanciata contro l’auto dei nostri moudjahidin, ferendone due”, ha detto il portavoce del ministero dell’Interno, Qari Sayed Khosti. Un funzionario talebano locale ha confermato che si trattava di una “bomba” lanciata contro un veicolo della polizia e ha riferito di almeno quattro studenti feriti. L’esplosione è avvenuta intorno alle 8 ora locale (le 5 in Italia), secondo un testimone.

Da quando sono saliti al potere il 15 agosto, i talebani, che hanno fatto del ritorno alla sicurezza nel Paese la loro priorità dopo 20 anni di guerra, hanno dovuto fronteggiare un’ondata di attentati sanguinosi compiuti dal gruppo dello Stato islamico. Il suo ramo locale Isis-K infatti ha preso di mira i talebani e la minoranza sciita afghana nelle ultime settimane, attaccando anche le moschee durante le preghiere del venerdì.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.