Tensioni tra Serbia e Kosovo, intensificati i pattugliamenti Nato al confine

Pristina ha inviato le forze speciali al confine serbo e Belgrado ha risposto con i mezzi corazzati e elicotteri ai valichi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:56
Forze speciali kosovare (immagine EPA/VALDRIN XHEMAJ)

In queste ore si sta verificando un aumento delle tensioni sul confine tra Kosovo e Serbia tanto che, le forze Nato stanziate nel primo paese, hanno annunciato la volontà di intensificare i pattugliamenti nell’area di confine con l’obiettivo di evitare una recrudescenza delle ostilità tra i due paesi. Rispetto a questo è utile ricordare che la Serbia non ha mai riconosciuto l’indipendenza del Kosovo – paese a larga maggioranza albanese – proclamata nel 2008.

L’invio delle rispettive truppe nelle aree di confine

La tensione tra i due paesi ha avuto inizio quando le unità speciali dell’esercito del Kosovo sono state inviate nel nord del paese – dove predomina la maggioranza serba – dopo la decisione del governo di Pristina di costringere i veicoli serbi ad installare targhe temporanee kosovare per entrare nel territorio nazionale. i vertici dell’esecutivo di Belgrado hanno risposto con l’invio di truppe corazzate ed elicotteri da combattimento nei pressi del confine.

Le proteste

Oltre a ciò, dopo la decisione del governo del Kosovo relativa all’ immatricolazione delle auto serbe, i cittadini di Belgrado hanno bloccato per protesta i valichi di confine è attaccato due uffici di registrazione per i veicoli.

Le dichiarazioni dei leader politici

Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti si è detto pronto ad un dialogo con la Serbia sotto l’egida dell’unione europea che, da dieci anni, cerca di aiutare i due paesi a normalizzare le loro relazioni. Dal canto suo il presidente serbo Aleksandar Vucic ha condizionato la ripresa del dialogo al ritiro del contingente di forze speciali kosovare dal nord del paese

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.