Rogo in un’azienda di rifiuti nel Lodigiano, si teme per i fumi tossici

A fuoco un camion a Fombio. I carabinieri indagano, insieme ai vigili del fuoco, per capire se si tratti o meno di incendio doloso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:53
Fombio, vigili del fuoco in azione (foto dei Vigili del Fuoco)

Un incendio che ha tenuto impegnati i vigili del fuoco dalle 2 della scorsa notte fino all’alba di oggi, si è sprigionato nel Lodigiano nell’impianto di rifiuti “Linea Ambiente SpA” di Fombio, società a partecipazione pubblica che ha appalti per il ritiro dell’immondizia in diversi Comuni della zona.

L’incendio ha interessato un camion compattatore di rifiuti e cataste di cartone ma anche rifiuti vari. Le fiamme si sono sprigionate nell’azienda che fa selezione, cernita e tratta di rifiuti urbani e rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, smaltendo immondizia per 59.000 tonnellate all’anno e circa 200 tonnellate al giorno. Presente sul posto l’Arpa per misurare la tossicità dell’aria. C’è intanto timore tra gli abitanti per la colonna di fumo nero che si è alzata dal rogo.

Una lunga serie di incendi

Giunti in loco anche i carabinieri che stanno cercando, insieme ai vigili del fuoco, di capire se si tratti o meno di incendio doloso. Non si tratta infatti del primo rogo in un’azienda di rifiuti della zona. Nel 2019, ce ne erano stati ben quattro in pochi mesi, l’ultimo dei quali nel mese di ottobre.

Sempre in provincia di Lodi, infine, nel marzo di quell’anno (il 2019) la Direzione distrettuale antimafia di Milano aveva sequestrato diversi camion di rifiuti all’interno di un capannone sfitto di Meleti ritenuti oggetto di un traffico illecito di rifiuti che aveva comportato anche l’incendio di un altro capannone nel Milanese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.