Il grasso corporeo in eccesso aumenta il rischio di demenza, la ricerca

Oltre a malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e infiammazione cronica, l'obesità conduce all'atrofia della materia grigia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43

Uno studio dell’University of South Australia, condotto su circa 28 mila persone, è arrivato a un’importante conclusione. Il grasso corporeo nocivo aumenta non solo il giro vita, ma anche il rischio di demenza.

I risultati sulla materia griglia

Lo studio ha esaminato la materia grigia, parte essenziale del cervello, responsabile del controllo dell’esecuzione, dell’attività muscolare e sensoria e di apprendimento, attenzione e memoria. La ricerca mette in evidenza che l’aumento del grasso corporeo conduce progressivamente ad atrofia della materia grigia e di conseguenza a un più alto rischio di declino della salute cerebrale. “In questo studio, abbiamo investigato la relazione causale con tre differenti tipi di obesità – sfavorevole, neutrale e favorevole – per stabilire se specifici gruppi di peso corporeo siano più a rischio di altri”. Lo scrive il responsabile dello studio Anwar Mulugeta, specialista di epidemiologia genetica, sul sito dell’università. “Generalmente, i tre sottotipi di obesità sono tutti caratterizzati da un più alto indice di massa corporea, tuttavia i sottotipi variano in termini di grasso corporeo e di distribuzione di grasso viscerale, e quindi di differente rischio di malattie cardiometaboliche“, aggiunge.

Nel sottotipo ‘sfavorevole’, le persone tendono ad avere grasso attorno al tronco inferiore e sono a più alto rischio di diabete tipo 2 e di malattie cardiache. Nel sottotipo ‘favorevole, le persone hanno anche fianchi più larghi ma rischio minore di diabete tipo 2 e di malattie cardiache, mentre nel sottotipo ‘neutrale’ il rischio di malattie cardiometaboliche è basso o molto basso.

I risultati allargano le conoscenze associate al sovrappeso e all’obesità, scrive Mulugeta. “L’obesità è una condizione geneticamente complessa, caratterizzata da un eccessivo grasso corporeo ed è comunemente collegata a malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e infiammazione cronica, che è segno di demenza”.

Lo studio offre un’ulteriore conferma dell’importanza di mantenere un peso sano per la salute pubblica generale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.