Ministro giustizia francese: “Brigadisti come jihadisti del Bataclan”

"Avremmo accettato che uno degli autori del Bataclan andasse a vivere 40 anni in Italia?", ha detto Éric Dupond-Moretti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:43
Eric Dupond-Moretti

Gli ex terroristi italiani arrestati a Parigi, per i quali sta per essere avviata la procedura di estradizione, sono come i terroristi islamici che hanno colpito la Francia uccidendo al Bataclan. A tracciare il paragone è il ministro della Giustizia francese, Éric Dupond-Moretti, ai microfoni dell’emittente France Inter.

Il Bataclan a Parigi

Il ministro Dupond-Moretti

“Avremmo accettato che uno degli autori del Bataclan andasse a vivere 40 anni in Italia?”, ha detto giustificando la sua decisione di avviare la procedura di estradizione per dieci ex terroristi italiani (uno è ancora in fuga), catturati a Parigi nei giorni scorsi. Fu lui a convincere Emmanuel Macron a dare il necessario via libera.

Parole forti che ha pronunciate ieri durante un’intervista alla radio Rtl, dove ha ricordato che Mitterrand aveva deciso di accogliere i terroristi degli anni di piombo italiani, ma non quelli che avessero commesso “reati di sangue”. Dupond-Moretti, però, ha specificato che questi italiens (che mercoledì dovranno affrontare una prima udienza alla corte d’Appello di Parigi) “hanno le mani macchiate di sangue”.

 

 

Da sinistra in alto: Giorgio Pietrostefani, Marina Petrella ed Enzo Calvitti; da sinistra in basso: Roberta Cappelli e Sergio Tornaghi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.