Maxi operazione anti mafia a Latina: 19 arresti nel clan Di Silvio

Presi esponenti e fiancheggiatori dei clan Di Silvio e Travali di Latina. Il clan Di Silvio è storicamente legato a quello dei Casamonica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32
ndrangheta

Dalle prime ore del mattino è in corso a Latina un’importante operazione anti mafia condotta dalla squadra mobile e dal servizio centrale operativo della polizia di Stato, al termine di un’indagine coordinata dalla Dda di Roma.

Famiglie Di Silvio e Travali

Gli agenti della Squadra Mobile di Latina e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato hanno eseguito 19 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di esponenti e fiancheggiatori delle note famiglie malavitose Di Silvio e Travali del capoluogo pontino.

Gli indagati sono tutti accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, di estorsione e omicidio, aggravato dalla finalità di agevolazione mafiosa.

I Casamonica e i Di Silvio

Il clan Di Silvio è storicamente legato a quello dei Casamonica. Il clan dei Casamonica infatti prende origine dalle famiglie Casamonica e Di Silvio, famiglie di sinti stanziali originarie dell’Abruzzo e del Molise, giunte a Roma negli anni settanta.

Il gruppo è quindi costituito dai membri di queste famiglie, con occasionali imparentamenti con altre famiglie sinti come i De Rosa, i Di Guglielmo, i Di Silvio, i Di Rocco, i Ciarelli, i Di Lauro, gli Zini, gli Spada e gli Spinelli. Inoltre, si affidano ai Seferovic, di origine bosniaca musulmana.

Il precedente

Nel giugno del 2018 vennero arrestate oltre 20 persone appartenenti al clan criminale Rom di Latina. Furono accusate di associazione di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, violenza privata, favoreggiamento, intestazione fittizia di beni, riciclaggio e reati elettorali, tutti aggravati dalle modalità mafiose. Tra i destinatari della misura cautelare figuravano anche 7 donne, una delle quali ai vertici del clan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.