Tragedia in montagna: madre e padre muoiono davanti alla figlia di 5 anni

Si aggrava il bilancio dei morti del fine settimana in montagna: deceduto anche il 23enne di Bolzano seppellito da una valanga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42
La coppia di Milano Valeria Coletta e Fabrizio Martino Marchi, morti in montagna

Una tripla tragedia in montagna ha colpito due distinte famiglie nel giro di poche ore. Domenica pomeriggio una donna è scivolata nel vuoto e il marito, nel tentativo di salvarla, è precipitato con lei in un dirupo.

La tragedia si è consumata domenica attorno alle 12:50 in Valle Camonica, sul Monte Vareno, nel territorio comunale di Angolo Terme. A perdere la vita sono stati padre e madre milanesi: Valeria Coletta, 35 anni, e il marito Fabrizio Martino Marchi, 40 anni. Stavano facendo un’escursione in compagnia della figlia di 5 anni e di una coppia di amici.

Sul posto sono intervenute due squadre dei Vigili del fuoco, di Brescia e di Darfo, di cui una del nucleo Speleo Alpino Fluviale, il Soccorso Alpino, un’autoambulanza e un’automedica. Niente da fare purtroppo per i coniugi, recuperati senza vita sul fondo del dirupo. Illese le altre tre persone, bimba compresa – che era rimasta insieme alla coppia di amici – che però ha assistito impotente alla morte di entrambi i genitori.

Deceduto il 23enne di Bolzano

È morto questa notte, all’ospedale di Cuneo, anche Filippo Calandri, il 23enne travolto sempre domenica da una valanga ad Acceglio, sulle Alpi cuneesi della Valle Maira. Tenente della Scuola di Applicazione dell’Esercito di Torino, originario di Bologna, era insieme a un compagno (rimasto illeso) a 2.300 metri di quota, oltre il rifugio la Gardetta, quando è stato sepolto da un metro e mezzo di neve.

Con Filippo e la coppia di sposi si aggrava il bilancio degli incidenti del fine settimana in montagna. Domenica è deceduto infatti alle Molinette di Torino anche uno scialpinista 46enne che era stato travolto sabato da un’altra valanga, sempre nella stessa zona vicino Acceglio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.