La stretta della Commissione Europea sulla vendita delle case

Dopo il 2030, per poter vendere, il proprietario di una casa potrebbe essere obbligato a rendere l'immobile ecosostenibile. Il "No" di Confedilizia e Unione Consumatori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35

Stretta della Commissione Europea sulla vendita delle case. Dopo il 2030, per poter vendere, il proprietario di una casa potrebbe essere obbligato a rendere l’immobile ecosostenibile attraverso interventi di riqualificazione energetica. E’ una delle proposte allo studio della Commissione europea che, il 14 dicembre, presenterà un nuovo pacchetto di misure per ridurre le emissioni.

Case a zero emissioni

Secondo quanto confermato da fonti di Bruxelles a TgCom24, la Commissione vorrebbe aggiornare la direttiva Ue del 2018 con obiettivi più ambiziosi per le case nuove, che dal 2030 dovrebbero essere a zero emissioni.

Per gli edifici vecchi la portata del rinnovo obbligatorio della classe energetica dovrà invece essere “proporzionata e fattibile” rispetto alla classe di partenza dell’immobile, e i costi dell’intervento dovrebbero entrare nel contratto di vendita. Dal campo di applicazione della nuova norma saranno esclusi gli edifici storici.

Il “No” di Confedilizia e Unione Consumatori

Decisamente contraria all’iniziativa della Commissione Ue si dice però Confedilizia, dalla quale arriva un secco “No” all’ipotesi di legare la vendita degli immobili a determinati standard energetici, “una misura che lederebbe i diritti dei proprietari” sottolinea in una nota il presidente dell’organizzazione Giorgio Spaziani Testa.

Altrettanto netta l’opposizione giunta dall’Unione nazionale consumatori: “Al di là del fatto che non si capisce e non sappiamo quello che vuole fare la Commissione Ue, sia chiaro fin da ora che faremo le barricate contro qualunque norma che impedisca la libera vendita di una casa solo perché ha una bassa classe energetica” ha detto Massimiliano Dona, presidente dell’Unione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.