Il saluto del Papa all’Aeronautica Militare per la conclusione del Giubileo Lauretano

Dalla Basilica di San Pietro, il Saluto di Papa Francesco all’Aeronautica Militare Italiana per la conclusione del Giubileo Lauretano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44

Questa mattina, Solennità della Beata Maria Vergine di Loreto, presso l’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, il Santo Padre Francesco ha incontrato i rappresentanti dell’Aeronautica Militare Italiana, a conclusione del Giubileo Lauretano, posticipato di un anno a causa della pandemia di Covid-19. Pubblichiamo di seguito le parole di saluto che Papa Francesco ha rivolto ai presenti.

Il saluto del Papa all’Aeronautica Militare Italiana

Cari amici dell’Aeronautica Militare Italiana! Vengo a salutarvi al termine della Celebrazione con cui avete concluso il Giubileo Lauretano, che per tutta la Chiesa si chiuderà oggi pomeriggio a Loreto. Saluto il Capo di Stato Maggiore e l’Arcivescovo Ordinario Militare; saluto tutti voi qui presenti e i vostri colleghi impegnati in Italia e all’estero, come pure i vostri familiari. Ogni giubileo, secondo l’antica tradizione biblica, ci ricorda che siamo pellegrini in questo mondo: che non siamo “padroni” della terra – e tanto meno del cielo – ma siamo incaricati di coltivare e custodire questo “giardino” nel quale Dio ci ha posti.

Questo Giubileo, nel centenario della proclamazione della Madonna di Loreto quale «Patrona di tutti gli aeronauti», ci ha ricordato che Dio ha creato per noi anche il cielo. Contemplare il cielo ci apre agli spazi sconfinati; ci fa sentire piccoli e nello stesso tempo “pensati”, “ricordati” da Colui che ha creato l’universo, una realtà che non finisce mai di stupirci via via che la scopriamo con strumenti di osservazione sempre più potenti. Il cielo ci ricorda che siamo fatti anche per volare, non tanto nel senso materiale, ma soprattutto in quello spirituale. Siamo figli di un Padre che ci dice: “Siate santi perché io sono santo”.

Che è come dire: volate alto! Non seguite il vostro egoismo che vi porta a chiudervi; apritevi a Dio e agli altri, date spazio alla gratuità, al servizio, alla magnanimità, e la vostra vita prenderà il volo. A voi, in particolare, che siete militari dell’Aeronautica, auguro di dare spazio a questi valori nello svolgimento quotidiano dei vostri compiti, ma prima di tutto nella vostra vita personale, perché ci sia unità tra ciò che siete e ciò che fate. Per voi “volare alto” significa essere operatori di pace, servire la pace sia nelle missioni in volo sia nei servizi a terra, sia in patria sia fuori, in zone di conflitto.

La Santa Casa di Loreto ci ricorda che, dovunque siamo, abbiamo una casa che custodisce le nostre radici cristiane; e abbiamo una Madre che veglia su di noi. La casa è la Chiesa e la Madre è Maria. Da lei impariamo soprattutto l’umiltà, che è la via che conduce al Cielo. Cari amici, vi ringrazio di questo incontro. La grazia del Giubileo Lauretano vi accompagni e continui a portare frutti nella vostra vita. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.