Inter campione d’inverno

Frena il Milan battuto in casa dal Napoli. Avanzano Juve e Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:52
Db Milano 12/12/2021 - campionato di calcio serie A / Inter-Cagliari / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Alexis Sanchez

La serie A ha un padrone assoluto, ed è l’Inter di Simone Inzaghi che guida a +4 sul Milan che frena in casa contro il Napoli e perde l’occasione per portarsi a meno uno dai cugini. E con un turno di anticipo sulla fine del girone di andata, l’Inter è campione d’Inverno. Un vantaggio sostanzioso per una squadra partita in sordina, tra mille dubbi che si sono sciolti come neve al sole. Merito di Inzaghi e dell’applicazione dei suoi. Che continuano a sciorinare bel calcio e segnare tantissimo. Respinto dal Napoli l’assalto del Milan che poteva tornare a meno uno dalla vetta, uccellata invece dagli splendidi azzurri di Luciano Spalletti. Quarta l’Atalanta che frena l’ascesa dopo il netto 4-1 subito in casa dalla Roma di Mourinho che insieme a Fiorentina e Juventus occupa la quinta piazza. Dietro, ottava, la Lazio.

Stecca il Milan, vola il Napoli

Il Napoli c’è ed è vivo e lo dimostra nella notte di San Siro dove gli azzurri di Spalletti riscattano il passo falso interno contro l’Empoli e si prendono tre punti d’oro. Frena ancora il Milan che manca di riportarsi a meno uno dai cugini. La sblocca dopo cinque giri di lancette Elmas, Anguissa manca il raddoppio, mentre la reazione del Milan è affidata alle giocate di Ibra, Florenzi e Giroud. Ma il Napoli tiene. Kessié all’ultimo minuto firma il pari, Massa viene richiamato dal Var e annulla per una posizione di offside. Vince il Napoli che aggancia lo stesso Milan a quota 39 a meno quattro dalla capolista.

Manita Inter

La copertina se la prende l’Inter che porta a termine l’ennesima missione: vincere e convincere. L’Inter sbanca anche l’Arechi di Salerno con estrema facilità e si tiene saldamente il comando della classifica. Finisce 5-0 per effetto dei gol di Perisic, Dumfries, Sanchez, Martinez e Gagliardini, e si tiene stretto il primato: +4 che con una giornata da giocare significa titolo d’inverno.

Poker Roma in casa dell’Atalanta

Vince la Roma a Bergamo e lo fa in maniera netta, autoritaria. Roma devastante, Atalanta annientata dal gioco di Mourinho. Uno show giallorosso: poker servito all’Atalanta. Abraham la sblocca dopo 55 secondi, raddoppia Zaniolo alla mezz’ora. prima dell’intervallo, autorete di Cristante che rimette in piede la Dea. Ma nella ripresa. E’ ancora Roma. Smalling fa 3-1 e la chiude ancora Abraham, doppietta che stasera vale tantissimo. La Roma scaccia incubi e paure, vince la partita più difficile. L’ha vinta Mourinho che l’ha preparata nei minimi particolari. Stavolta il campo gli ha dato ragione.

Nella nebbia la Juve

Cammino in totale ripresa per la Juve che ha ancora tanti problemi da risolvere, ma che intanto rosicchia punti su punti agli avversari e per adesso è quinta alle spalle del quartetto di testa. Nella nebbia di Bologna, ai bianconeri bastano due guizzi, di Morata in avvio e di Cuadrado nella ripresa, per ridurre ai minimi termini il generoso, e basta, Bologna di Mihajlovic.

Perde il passo la Fiorentina, Lazio a ridosso

Sognava il quinto posto in assoluto la Viola di Italiano che invece ha dovuto fare i conti con lo splendido Sassuolo di Alessio Dionisi che ha costretto la Viola al pari ingterno in rimonta. Emiliani sul doppio vantaggio con Scamacca e Frattesi, nella ripresa il ritorno viola con Vlahovic e Torreira. La Lazio straripa contro un Genoa in caduta libera e si colloca all’ottavo posto della graduatoria. Avanza il Toro, 1-0 al Verona, bene il Venezia che al fotofinish riprende a Marassi la Sampdoria (1-1). Pari (1-1) tra Spezia ed Empoli. Martedì e mercoledì di nuovo in campo per l’ultima giornata di andata senza big match. Poi, appuntamento al 2022.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.