Il Papa telefona alla parrocchia riunita in streaming

Alla festa parrocchiale arriva la chiamata del Papa. Sorpresa alla periferia di Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:42
Foto © Vatican Media

Francesco ieri sera ha chiamato al telefono il parroco di San Paolo della Croce, a Roma, don Roberto Cassano, per salutare la comunità riunita per la festa di fine anno sociale.

Foto © Vatican Media

Streaming

La parrocchia stava avviando una trasmissione in streaming. Il Pontefice chiede di mandare un saluto “specialmente agli anziani”. Poi conforta le persone dicendo “passerà, passerà” la situazione legata alla pandemia. il Pontefice aveva visitato questa parrocchia romana nel 2018. In precedenza il Papa aveva telefonato a monsignor Orlando Brandes, arcivescovo di Aparecida (dove si trova il maggiore santuario del Brasile) manifestando la propria solidarietà ai brasiliani per la pandemia di coronavirus, che sta così duramente colpendo il Paese. Monsignor Brandes ha riportato che il Pontefice ha chiesto di dire al popolo che non solo prega per tutti, ma li accompagna sempre, “con il cuore molto vicino ai brasiliani”. “Ha anche affermato – ha aggiunto l’arcivescovo – che sta pensando a tutti i brasiliani. Non solo a noi cristiani, ma a tutta la nazione”.

Legame forte

E’ la terza volta che Francesco chiama un vescovo brasiliano, durante l’emergenza coronavirus. Il primo a ricevere una sua telefonata è stato il cardinale Odilo Scherer, arcivescovo di San Paolo. Anche l’arcivescovo di Manaus, dom Leonardo Steiner, ha ricevuto una chiamata dal Papa. Tutte le volte il Papa ha mostrato la vicinanza al dramma affrontato dai brasiliani con l’avanzata del coronavirus. È molto forte il legame tra Papa Francesco e questo santuario. Qui nel 2007, riferisce il Sir, si tenne la quinta Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano, nella quale l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio ebbe un ruolo centrale. E nel 2013, da Papa, ha visitato Aparecida quando è stato Brasile per la Giornata mondiale della gioventù di Rio de Janeiro. “E’ il signor Giovanni Arletti? Sono Francesco”. E’ iniziata così la telefonata che tre mesi fa Giovanni Arletti, presidente della Chimar Spa di Carpi (Modena), azienda che opera nel settore della logistica, ha ricevuto sul suo cellulare. “E’ stata una grandissima emozione. Erano le 17 – racconta -. Ho ricevuto una telefonata cui non sono riuscito a rispondere. Poi mi sono accorto che c’era un messaggio in segreteria: ‘Sono papa Francesco, volevo ringraziarla per quello che lei fa per gli altri. La benedico. Preghi per me, io pregherò per voi’. Sono corso a casa a condividere la notizia con mia moglie Francesca: ne stavamo parlando quando è suonato di nuovo il cellulare. Era ancora il Pontefice: è stata una conversazione straordinaria. Un grande uomo, coraggioso e al tempo stesso semplice, che ha a cuore e si interessa delle persone e anche degli imprenditori che, facendo bene il loro lavoro, possono davvero aiutare anche le altre persone nella risoluzione dei problemi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com