La guardia costiera libica salva 104 migranti, morto un bimbo

La motovedetta Ubari ha salvato 104 migranti tra cui dieci donne e tre bambini e recuperato due corpi, quello di una donna e di un bimbo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25
Mare

Una motovedetta della Guardia costiera libica, la “Ubari”, “ha salvato 104 migranti tra cui dieci donne e tre bambini e recuperato due corpi”, quello di “una donna e di un bimbo”. Lo scrive un tweet dell’account “Migrant Rescue Watch” precisando che i migranti, tutti africani, sono stati poi fatti sbarcare “nella base navale di Tripoli”. I migranti erano 43 del Mali, 33 della Costa d’Avorio, 16 della Guinea, otto del Sudan, tre del Senegal e uno Niger, precisa il tweet.

Arrestato uno dei trafficanti

Una persona è stata fermata dalla polizia in relazione ai decessi a bordo della imbarcazione. L’informazione – riportata da Ansa – era stata anticipata indirettamente da Safa Msehli, la portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che nella tarda serata di ieri aveva scrito su Twitter: “Un bambino e una donna sono morti oggi in Libia e più di 100 persone sono state intercettate e portate nel limbo della detenzione. Le mura europee del silenzio continuano a crescere sempre più alte”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.