Green pass, approvato alla Camera il decreto bis

Approvato con 335 si, 51 contrari e 3 astenuti il decreto legge Green pass bis che contiene novità su scuole e università

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08

È stato approvato dalla Camera dei deputati il decreto-legge denominato green pass bis al cui interno ci sono le misure relative alla riapertura delle scuole e delle università in presenza.

I numeri con cui è stato approvato il Decreto-Legge

Questo decreto, che deve essere convertito in legge entro il 5 ottobre, e stato approvato con 335 voti a favore, 51 contrari e tre astenuti. Gli assenti senza giustificazione erano 51 mentre 12 parlamentari si trovavano in missione.

I contenuti e le novità presenti per la didattica

In particolare, il decreto approvato oggi, riserva l’eventuale utilizzo della didattica distanza solamente alle singole istituzioni scolastiche o alle cosiddette zone rosse – in circostanze di eccezionale e straordinaria necessità dovuta all’ insorgenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus o di sue varianti nella popolazione scolastica – e sancisce l’obbligo di certificazione verde per l’accesso ai mezzi di trasporto pubblico. Nelle università invece permane l’obbligo di tenere la mascherina anche quando partecipano all’attività didattica solo studenti vaccinati o guariti dal Covid – 19 perché, a differenza delle scuole di grado inferiore, non si è suddivisi per classe ma è necessario spesso mutare luogo di studio.

Le assenze tra i deputati della Lega e di Forza Italia

I deputati della Lega erano assenti quasi per metà nell’aula della Camera per il voto finale relativo a questo decreto-legge; infatti, dai tabulati si vede che solo 69 deputati su un totale di 132 di questo schieramento politico hanno partecipato alla votazione. Riguardo ai deputati di Forza Italia hanno votato il provvedimento in 46 su 73, ossia il 56%.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.