Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:54

Dopo 14 giorni di quarantena, i passeggeri che sono risultati negativi al coronavirus e non manifestano sintomi influenzali hanno iniziato a lasciare la nave da crociera Diamond Princess, ferma in Giappone con oltre 540 casi di contagio a bordo. Le persone che devono sbarcate oggi sono circa 500. Il ministero della Salute nipponico ha detto che la procedura di sbarco durerà fino a venerdì, mano a mano che verranno resi noti gli esami dei laboratori. I test medici sono stati condotti su tutti i circa 3.200 passeggeri della Diamond Princess e le persone che sono state in contatto con chi è risultato infetto, anche se risultano negative, dovranno rimanere a bordo per un ulteriore periodo di osservazione. 

Rientro degli italiani

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su facebook, ha annunciato la partenza da Ciampino del volo per il Giappone con a bordo il personale medico che andrà a soccorrere gli italiani sulla Diamond Princess. Di Maio si è recvato recato personalmente, con il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, a salutare la squadra in partenza. “Vi assicuro che riporteremo in Italia i nostri connazionali il prima possibile”, ha detto Di Maio. “Ho ringraziato personalmente tutte le donne e gli uomini che con generosità e immensa professionalità sono partiti, con un preavviso di poche ore, mettendosi al servizio dei nostri connazionali. Grazie di cuore a tutti per l'impegno”, ha aggiunto il ministro. 

Numero delle vittime

Intanto, le vittime del coronavirus in Cina hanno raggiunto quota duemila. Lo fanno sapere le autorità di Pechino. Il bilancio è salito a 2.000 dopo il decesso di ulteriori 132 persone nella provincia di Hubei, focolaio dell'infezione. Nel suo aggiornamento quotidiano, la commissione sanitaria della provincia ha anche riferito di 1.693 nuovi contagi.
   

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.