Svolta indagine ex vigilessa morta: le figlie arrestate per omicidio

Svolta nelle indagini sulla morte di Laura Ziliani, ex vigilessa di Temù, nel Bresciano, il cui cadavere è stato trovato l'otto agosto scorso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:34
L'ex vigilessa Laura Ziliani

Svolta nelle indagini sulla morte di Laura Ziliani, la ex vigilessa di Temù, nel Bresciano, svanita nel nulla l’otto maggio scorso e il cui cadavere è stato trovato tra la vegetazione nel paese dell’Alta Vallecamonica l’otto agosto.

L’arresto delle figlie e del genero

Questa mattina sono state arrestate dai carabinieri di Brescia due delle tre figlie della donna e il fidanzato della maggiore. Silvia e Paola Zani, 27 e 19 anni, e Mirto Milani, residente quest’ultimo in provincia di Lecco, sono stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Brescia.

Contestati i reati di omicidio volontario, aggravato dalla relazione di parentela con la vittima, e di occultamento di cadavere.

Le incongruenze nel racconto

Erano state proprio Silvia e Paola a chiamare il 112 a mezzogiorno dell’8 maggio segnalando la scomparsa della madre, uscita di casa intorno alle 7 per una passeggiata nella frazione di Villa Dalegno. La donna sarebbe dovuta rientrare verso le ore 10, per poi recarsi con loro in discarica a disfarsi di vecchi materassi.

Le indagini, avviate dai militari della Compagnia di Breno, parallelamente alle ricerche, avevano però evidenziato numerose anomalie nel racconto fornito dai tre arrestati, “inducendo i carabinieri e la Procura a ritenere poco credibile la versione dell’infortunio o del malore in montagna” riferiscono gli inquirenti.

A destare sospetti erano sia l’allarme, dato troppo in fretta dalle due figlie, sia il rinvenimento del telefono cellulare – da cui la donna non era solita separarsi – trovato sotto una panca in cantina.

Ad aggravare il quadro, nella tarda mattinata del 23 maggio, il ritrovamento della scarpa che la donna – a dire delle due figlie – indossava la mattina presto, quando sarebbe uscita di casa per fare la passeggiata. La scarpa, infatti, è stata rinvenuta nel torrente Fumeclo, in un punto incompatibile con la direzione verso monte che secondo il racconto delle figlie aveva seguito Ziliani. Ancora ignoto il movente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.