I dati dei contagi di oggi. AstraZeneca riprende la sperimentazione sul vaccino

Luce verde di nuovo per AstraZeneca dal governo britannico. In Italia si stabilizzano i contagi e calano i decessi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:26
Vaccino

Il gruppo farmaceutico AstraZeneca a Londra ha ripreso la sperimentazione del vaccino anti Covid-19, dopo lo stop di alcuni giorni dovuto al manifestarsi di sintomi non conformi su una volontaria che si era sottoposta alla sperimentazione.

AstraZeneca

Quindi di nuovo luce verde dalle autorità britanniche per continuare il lavoro del Gruppo in collaborazione con l’Università di Oxford sul nuovo vaccino.

È vitale il proseguimento di questa sperimentazione anche per il Governo italiano che spera di ottenere le prime dosi per la fine dell’anno.

I dati del bollettino di oggi

Intanto sono usciti i nuovi dati sui contagi di oggi in Italia. Gli attualmente positivi aumentano di 1501 (ieri + 1616). Nessuna Regione fa registrare zero contagi. Guida la Lombardia con 269 nuovi positivi. I pazienti in terapia intensiva salgono di 7 unità arrivando a 182.

I ricoverati con sintomi sono ad oggi 1951 (+1002 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 35,370 (+627). In calo i decessi ma anche il numero dei tamponi processati: 92,706.

Ancora positivi a scuola

A due giorni dall’apertura delle scuole in Italia è ancora più importante il bollettino quotidiano che rileva una stabilizzazione, anche se i ricoveri sono in aumento.

Proprio riguardo le scuole, nel Pavese sono stati riscontrati casi positivi di bambini della materna sotto i sei anni di età. In quarantena maestra e alunni sia a Pavia che a Porto Mantovano. Con la riapertura delle scuole l’indice rt potrebbe risalire di circa lo 0,4, secondo le stime del comitato tecnico scientifico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.