Covid-19: sale a 8,1% il tasso di positività; 386 le vittime

Sale il tasso di positività, aumentano le vittime, 12 regioni oltre la soglia critica del 30% delle terapie intensive occupate da pazienti Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:22
vaccino coronavirus

Sfiorano la quota 14 mila i nuovi positivi al test del coronavirus in Italia; per l’esattezza sono 13.846, secondo i dati diffusi dal ministero della Salute. Domenica erano stati 20.159. Sono invece 386 le vittime nelle ultime 24 ore (domenica erano state 300).

Sale il tasso di positività

Sono 169.196. i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Domenica i test erano stati 277.086. Il tasso di positività è salito all’8,1% (domenica era al 7,2%).

Le terapie intensive

Sono 3.510 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 62 più di ieri, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 227. Nei reparti ordinari sono ricoverate 28.049 persone, con un’incremento di 565 nelle ultime 24 ore.

I ricoveri

I ricoveri di pazienti Covid nei reparti italiani tornano sopra la soglia d’allerta del 40%. A mostrarlo sono i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) riferiti a domenica, da cui emerge come i pazienti positivi al Sars-Cov-2 siano ora il 42% di quelli ricoverati in Medicina interna, Infettivologia e Pneumologia.

12 regioni superano la soglia critica

Salgono a 12 le regioni che superano la soglia critica del 30% delle terapie intensive occupate da pazienti Covid e oltre la quale diventa difficile la presa in carico degli altri malati: Abruzzo (49%), Emilia Romagna (52%), Friuli Venezia Giulia (46%), Lazio (34%), Lombardia (57%), Marche (61%), Molise (41%), Provincia autonoma di Trento (58%), Piemonte (55%), Puglia (37%), Toscana (41%) e Umbria (52%). Il valore è invece al 30% nella Provincia autonoma di Bolzano. E’ quanto mostrano i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) riferiti a domenica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.