Covid: oltre 170 milioni i contagi nel mondo da inizio pandemia

Il governo argentino ha annunciato l'arrivo oggi a Buenos Aires di un carico di 2.148.600 dosi di vaccino anti-Covid di AstraZeneca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:45

Ha superato quota 170 milioni il numero di contagi da Covid-19 registrati ufficialmente nel mondo da inizio pandemia, secondo il conteggio dell’università americana Johns Hopkins. I decessi sono stati quasi 3,54 milioni.

Il Paese più colpito in termini assoluti dal nuovo coronavirus restano gli Stati Uniti, con 33,25 milioni di casi e oltre 594 mila decessi. Seguono l’India (27,89 milioni, 326 mila) e il Brasile (16,47 milioni, 461 mila).

Vaccini: Argentina riceve 2,1 milioni di dosi di AstraZeneca

Il governo argentino ha annunciato l’arrivo oggi a Buenos Aires di un carico di 2.148.600 dosi di vaccino anti-Covid di AstraZeneca, la maggiore quantità in un solo giorno da quando è cominciata la campagna di immunizzazione nazionale. Lo scrive l’agenzia di stampa Telam.

In questo modo il totale ricevuto, precisa l’Osservatorio argentino per la vaccinazione pubblica, ha raggiunto 17,5 milioni di dosi, la maggior parte delle quali già distribuite su tutto il territorio nazionale.

Un comunicato della Casa Rosada presidenziale ha reso noto che il vaccino giungerà nell’aeroporto internazionale di Ezeiza con un volo di Air Canada alle 6:55 locali (le 11:55 italiane), e sarà accolto dal coordinatore del governo, Santiago Cafiero, e dalla ministra della Salute, Carla Vizzotti-

La campagna di vaccinazione argentina – scrive Ansa – si è sviluppata dall’inizio dell’anno con l’utilizzazione di vari vaccini, per lo più il russo Sputnik V (prodotto anche in Italia), il cinese Sinopharm e il Covishield indiano (prodotto su licenza di AstraZeneca).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.