Nigeria: rapiti più di 100 bambini da una scuola coranica

Pochi giorni fa, 5 studenti sono stati giustiziati dai rapitori per costringere il governo a pagare il riscatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:57
Nigeria

Ancora un rapimento di studenti in Nigeria. Un gruppo di uomini armati ha attaccato la scuola Salihu Tanko Koranic durante l’ingresso di circa 200 bambini. Molti sono riusciti a fuggire, ma almeno un centinaio sembra siano stati catturati. Quest’ultimo sequestro di massa di bambini è avvenuto in una scuola coranica nell’area centro settentrionale del Paese.

“I rapitori hanno poi liberato undici bambini, che erano troppo piccoli per camminare“, ha detto il governo della Nigeria. “All’inizio hanno preso più di un centinaio di studenti, ma poi hanno lasciato andare quelli che consideravano troppo piccoli per camminare, tra i 4 e i 12 anni”, ha spiegato un dirigente scolastico che desidera rimanere anonimo per la sua sicurezza aggiungendo di non avere cifre precise sul numero di bambini rapiti.

Bambini rapiti

Da diversi mesi gruppi di banditi sono coinvolti in rapimenti di massa rivolti alle scuole al fine di richiedere il riscatto in soldi: dal dicembre 2020 sono stati sequestrati 730 bambini e adolescenti.

Il nuovo rapimento arriva il giorno dopo il rilascio di 14 studenti nello stato di Kaduna (Nord della Nigeria), dopo 40 giorni di detenzione. Cinque studenti sono stati giustiziati dai loro rapitori nei giorni successivi al rapimento per fare pressione sulle famiglie e costringere il governo a pagare il riscatto. Sulla stampa locale, le famiglie hanno dichiarato di aver dovuto pagare in totale 180 milioni di naira (357.000 euro) per ritrovare i propri figli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.