Coronavirus, l’NBA sospende il campionato. È incognita Olimpiadi

Sospeso lo sport degli Americani. "Decisione doverosa per l'Nba". Per ora, Tokyo dice: "Le Olimpiadi si faranno"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
ll commissario dell'NBA, Adam Silver, ha sospeso la stagione a causa dell'epidemia di Covid-19

La sicurezza è una priorità più grande rispetto a qualsiasi match. Così l’NBA ha deciso di sospendere il campionato a seguito dell’epidemia da Covid-19, ormai dichiarata pandemia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Con una decisione senza precedenti, la sospensione della competizione sportiva più seguita negli Usa è segno di una trovata consapevolezza: che il virus riguarda tutti e non c’è confine o oceano che possa renderci immuni.

Stop NBA

Le porte dell’NBA si sono chiuse dopo che un giocatore degli Utah Jazz, secondo l’emittente ESPN Rudy Gobert, sarebbe risultato positivo al test. L’annuncio è stato dato dalla lega ieri sera ed ha effetto a partire da oggi: “La stagione viene quindi sospesa fino a data da destinarsi. L’NBA utilizzera’ questa interruzione per comprendere quali siano i prossimi passi da prendere in relazione alla pandemia del coronavirus” si specifica nella nota. La decisione dei vertici contribuirà sicuramente a sviluppare una maggiore consapevolezza negli Usa su quella che è l’epidemia da nuovo coronavirus.

Coronavirus e Olimpiadi: Il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, ha chiesto una proroga di altri 10 giorni alla cancellazione degli eventi sportivi e culturali – Foto © AFP

Auto-isolamento

Intanto i giocatori NBA che hanno avuto contatti con Gobert hanno deciso di autoisolarsi. Il primo cestista a rilasciare dichiarazioni all’ESPN è stato Mark Cuban, dei Dallas Mavericks: “Non si tratta di basket o denaro […] è giusto pensare alle nostre famiglie […] la sicurezza è una priorità maggiore rispetto ai soldi” ha detto. Langston Galloway, dei Detroit Pistons ha dichiarato al The Guardian che farà un’auto-quarantena preventiva: “Ci siamo lavati le mani subito e ho preso già le prime precauzioni in questi giorni: abbiamo interazione con molte persone diverse e nel momento in cui pensi che basti toccare un pallone per passare il virus, diventi cauto anche nel rapporto con i fan” ha detto Galloway.

Incognita Olimpiadi

Non è bastato l’annuncio dell’Oms per rimandare le Olimpiadi di Tokyo 2020. “L’Organizzazione mondiale della sanità ed altri esperti stanno studiando le risposte adeguate” è stato il commento di Yoshiro Mori, presidente del Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo. Al momento, quindi, il Cio resta fermo sulla decisione presa qualche settimana fa di posticipare eventualmente i Giochi, ma realizzarli entro quest’anno: “Non stiamo assolutamente valutando alcuna modifica dei piani” ha detto. Mori ha commentato duramente le affermazioni rilasciate dal membro del consiglio di amministrazione del comitato organizzatore, Haruyuki Takahashi, che in un’intervista al Wall Street Journal aveva detto che nel caso il regolare svolgimento dei Giochi si fosse rivelato impossibile, l’opzione più realistica sarebbe stato il rinvio dell’evento di un anno o due. Mori ha replicato scusandosi a nome di Takahashi per le dichiarazioni “sconsiderate” ritenendole “assurde”.

Dopo la chiusura anticipata dell’Nba, tutto il mondo dello sport, atleti, staff e partecipanti, valuterà se il coronavirus chiudere la competizione agonistica che in passato riusciva anche a fermare le guerre.

Il governo del Giappone ha chiesto il 26 febbraio agli organizzatori di grandi eventi sportivi e culturali di valutare la loro cancellazione o il posticipo per un periodo di due settimane – Foto © Athit Perawongmetha per Reuters

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.