Bollettino Covid del 3 maggio: 5.948 positivi, 265 vittime

Il numero di positivi più basso da prima della seconda ondata, complice forse il minor numero di tamponi effettuati tra sabato e domenica. Campania, Sicilia e Lazio le regioni con più contagi.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:48
pandemia
Fonte Regione Lombardia

Dopo il primo weekend di maggio diminuiscono quasi tutte le cifre del Coronavirus in Italia, eccetto i decessi. Al di sotto di quota seimila i nuovi contagi riscontrati ai test, scendono anche il tasso di positività e le terapie intensive. Lo dice il bollettino quotidiano del Ministero della Salute sulla diffusione del coronavirus.

Decessi in aumento

Il dato più basso dal 13 ottobre scorso, prima che la seconda ondata deflagrasse. Sono 5.948 i nuovi contagi rispetto ai 9.148 di ieri, 47 in più rispetto a 5.901 di quel giorno d’autunno. Pesa forse nel computo stavolta il minor numero di tamponi effettuati nel finesettimana. In calo di 35mila unità i tamponi di oggi, 121.872 quando ieri erano stati 156.872, e il tasso di positività che passa dal 5,8% al 4,9%. Si riscontra però un aumento dei morti, ieri erano stati 144 e oggi 256. Dall’inizio dell’epidemia sono scomparse 121.433 persone. Calano i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 34 in meno di ieri, mentre crescono di cinquanta unità quelli nei reparti ordinari.

Tre milioni tra guariti e dimessi

Campania, Sicilia e Lazio sono le regioni dove sono stati riscontrati i numeri più alti di contagi. Nella prima 959, nella seconda 734 e 661 nella terza. Guardando i numeri nel loro complesso, in Italia risultano attualmente positivi al Covid 423.558 persone, meno 7.348  rispetto a ieri. Dall’inizio della pandemia sono stati dimessi o sono guariti oltre tre milioni di persone, mentre 18.395 sono ricoverate con sintomi e 2.490 sono in terapia intensiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.