Batterio killer, la lettera dei primari dell’Azienda Ospedaliera di Verona

"Le dolorose conseguenze dell'infezione da Citrobacter - o batterio killer - hanno profondamente scosso tutto l'ospedale"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
Ospedale Donna e Bambino di Verona

i primari dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona hanno scritto una lettera riguardo le infezioni causate dal batterio killer nell’ospedale della Donna e del Bambino.

Le dolorose conseguenze dell’infezione da Citrobacter – si legge nella missiva – hanno profondamente scosso la comunità sanitaria dell’Azienda Ospedaliera di Verona”.

Il batterio killer

“Come Direttori di Unità Operativa Complessa dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona – sottolineano nella lettera aperta – non possiamo che interpretare quello che è il sentire di tutti coloro che operano all’interno dei nostri Ospedali, quotidianamente, con impegno, abnegazione e grande rispetto per i pazienti”.

“Ci sentiamo innanzitutto vicini alle famiglie che così tanto hanno sofferto per i drammatici eventi, umanamente comprendiamo il loro dolore e auspichiamo che le Autorità competenti possano definire questa vicenda” prosegue la missiva dei direttori delle UOC.

“Come parte viva di questa comunità – aggiungono – esprimiamo la nostra solidarietà ai colleghi dirigenti medici momentaneamente sospesi, auspicando che quanto prima vengano chiarite le loro posizioni, nel rispetto delle procedure idonee a definire le responsabilità di quanto accaduto”.

Eccellenza sanitaria

“Avvertiamo altresì la necessità di spendere una parola per la nostra Azienda, una delle più grandi ed efficienti d’Italia che vive uno stretto e armonioso connubio tra Ospedale e Università”.

“Questa devastante vicenda – sottolineano i primari – l’ha portata alla ribalta nazionale nel modo peggiore. Quanto di eccellente ogni giorno viene svolto dagli oltre 5mila dipendenti è passato in secondo piano, travolto da un’immagine profondamente negativa e questo rischia di togliere fiducia e serenità a quanti ogni giorno, bambini, adulti, anziani, con patologie importanti o meno, a noi si affidano arrivando dal nostro territorio o da ogni parte d’Italia”.

“Come Direttori dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona – concludono i primari – rivendichiamo di appartenere ad una eccellenza sanitaria con forte vocazione educativa, in cui il malato è sempre al primo posto e dove ogni atto medico è svolto con scienza e coscienza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.