Bassetti, sabato la Messa per ripartire

In piazza Santa Cecilia, a Roma, verrà recitata la preghiera a san Benedetto al termine della Messa del presidente della Cei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:31

Il presidente della Cei sabato celebrerà una Messa a Roma, in piazza santa Cecilia, presso la chiesa che ospita il convento delle suore benedettine. Il cardinale Gualtiero Bassetti, in occasione della festività di san Benedetto, invocherà dal Patrono d’Europa la rinascita dell’Italia e del continente. L’appuntamento, alle 18, è promosso da diversi movimenti ecclesiali, gruppi e associazioni laicali. Al termine della celebrazione, riferisce Adnkronos, verrà recitata la preghiera a san Benedetto.

Paolo VI

“Sia questo Santo- afferma il cardinale Bassetti, facendo sue le parole di san Paolo VI nella Lettera apostolica Nuntius Pacis, con cui san Benedetto viene proclamato patrono principale d’Europa– ad esaudire i nostri voti e, come egli un tempo con la luce della civiltà cristiana riuscì a fugare le tenebre e a irradiare il dono della pace, così ora presieda all’intera vita europea e con la sua intercessione la sviluppi e la incrementi sempre più“.

Messa

“In questo tempo in cui il mondo è messo alla prova dall’emergenza sanitaria e dalla crisi economica, è quanto mai necessario che l’Europa dimostri di essere l’Europa dei popoli e della pace”, sostiene il presidente della Cei evidenziando quanto, dopo 1600 anni, san Benedetto abbia ancora da dire al vecchio continente in termini di accoglienza, solidarietà, giustizia. Seconda una rilevazione nazionale, condotta dal 3 al 23 giugno: nonostante le forti criticità, Caritas Italiana e tutte le Caritas diocesane hanno continuato a restare accanto agli ultimi. Rispetto alla situazione ordinaria, nell’attuale fase il 95,9% delle Caritas che partecipano al monitoraggio segnala un aumento dei problemi legati alla perdita del lavoro e delle fonti di reddito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.