Altra tragedia sfiorata in casa Jackson

"A un passo dal suicidio". Paris Jackson ha ora 22 anni e racconta gli ostacoli che ha superato fin dalla prima adolescenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:31
Il mondo l’ha vista devastata dopo la morte di suo padre Michael Jackson nel 2009, quando aveva solo 11 anni. Paris Jackson ha ora 22 anni e racconta gli ostacoli che ha superato negli ultimi anni, secondo il tabloid Paris Match. In una serie realizzata dalla sua compagna e disponibile sui social intitolata “Unfiltered: Paris Jackson e Gabriel Glenn”, la cantante e attrice ha fatto rivelazioni inquietanti, rivelando di avere tentato il suicidio, durante la seconda puntata della serie.

Bulimia

Da adolescente, ha ammesso, era dipendente dal cibo. “Ho acquistato molto peso”, ha detto. “Poi un cugino mi ha chiamato ‘grassa’ e ho pensato: ‘Va bene, non posso andare avanti‘. Ed è così che sono caduta nell’auto-mutilazione“. Tuttavia, la figlia di Michael Jackson ha sempre pensato che sarebbe sopravvissuta perché era sicura di avere il “coltello dalla parte del manico. Sapevo quanto stavo andando in profondità“, ha detto.

A un passo dalla tragedia

E’ stato in particolare il rilascio di dopamina che ha rafforzato il suo desiderio di autolesionismo, riferisce Adnkronos. Chiamato anche “ormone della felicità“, la dopamina regala molta energia ma anche aggressività. È in particolare stimolata da diversi fattori come il consumo di droghe, il cibo o persino lo sport. “L’autolesionismo era una di queste manifestazioni, così come i tatuaggi -ha detto l’attrice- dopamina ‘contiene’ la parola doping per una buona ragione, ti fa sentire bene”, ha detto Paris Jackson.

Momenti down

“Sì, ho provato a uccidermi più volte“, ha infine detto la figlia della pop star. Che ha notato che le sue lotte con la depressione sono arrivate “a ondate“, ed ha sottolineato che aveva bisogno di trasformare “il suo dolore emotivo in dolore fisico per avere questa sensazione di controllo”. Quindi “anche se i momenti down sono insopportabilmente ‘down’, preferisco questo che niente”, ha precisato. “Il dolore è molto meglio dell’intorpidimento perché almeno senti qualcosa”, ha concluso la cantante.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.