Accoltellata dal marito in strada: muore 40enne a Roma

Non sono chiare le dinamiche che hanno spinto l'uomo a compiere il folle gesto. La donna è deceduta in ospedale a causa delle gravissime e numerose ferite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:28

E’ morta nell’ospedale San Camillo Forlanini di Roma a causa delle gravissime ferite riportate dopo essere stata accoltellata dal marito. Si è spenta così una donna di 40 anni, originaria dello Sri Lanka.

Cosa è accaduto

L’efferata violenza contro la donna si sarebbe consumata in strada, in via Greppi, zona Portuense a Roma. A colpirla a morte – l’Ansa parla di almeno dieci fendenti inferti con un coltello – il marito, 49 anni, anche lui originario dello Sri-Lanka. L’uomo è stato bloccato da alcuni passanti e poi arrestato dalla polizia.

Sono ancora da accertare le motivazioni che hanno portato l’uomo a commettere il reato, ma sai primi accertamenti sembrerebbe che l’omicidio sia maturato nell’ambito di un periodo di crisi che la coppia avrebbe attraversato. Il delitto sarebbe avvenuto intorno alle 14.30. Sul posto è intervenuta la polizia scientifica per i rilievi del caso. 

Le dichiarazioni dell’ospedale San Camillo

Secondo quanto dichiarato dall’azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini, la donna è deceduta a causa delle numerose e gravissime ferite da taglio riportate. Dopo essere arrivata al pronto soccorso dell’ospedale, la donna è stata presa in carico dai medici del trauma team, ma nonostante le cure ha avuto un arresto cardiaco. E’ stata trasferita d’urgenza in sala operatoria e sottoposta ad intervento chirurgico multidisciplinare ma, come spiegano dal San Camillo, nonostante gli sforzi dell’equipe curante la paziente è deceduta. La salma è stata posta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.