Si è spenta la Duchessa d’Alba: era la donna più titolata al mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30

Ironica e pungente, ma anche mondana e divertente: è morta ad 88 anni la “Duchessa d’Alba” di Spagna, la donna che con oltre 50 titoli nobiliari, tra cui 5 da duchessa e 18 da marchesa, ha detenuto il record di aristocratica più titolata al mondo.

María del Rosario Cayetana Alfonsa Victoria Eugenia Francisca Fitz-James Stuart y de Silva Falcó y Gurtubay, questo il suo nome completo, aveva più titoli persino di Elisabetta II: per ordine protocollare, non è tenuta a inchinarsi davanti alla regina d’Inghilterra. La duchessa era stata ricoverata domenica per polmonite: rimandata a casa dai medico, si è spenta nel suo palazzo di Dueñas a Siviglia.

La morte della nobildonna più titolata al mondo è oggi su tutti i principali siti web spagnoli, da El Pais a El Mundo: la discendente di Giacomo II d’Inghilterra, l’ultimo monarca cattolico a regnare tra il 1685 al 1688 sui tre regni britannici, era uno dei personaggi pubblici più popolari di Spagna.

Maria si era creata una nomea anticonformista poco incline allo snobismo e molto dedita al bagno di folla: amava essere attorniata da ammiratori e confidenti. Tre matrimoni chiacchieratissimi, decine di love story e un patrimonio immenso quantificato tra uno e tre miliardi di euro, ne avevano fatto un vero e proprio personaggio: merito della sua inesauribile verve spesso esibita in pubblico.

Le ultime ore della Duchessa, come riportato dai giornali, sono trascorse serene assieme al marito e ai sei figli a cui lascia un’eredità già divisa: le indiscrezioni di stampa dicono che le parti della successione, non esattamente proporzionali, potrebbero scatenare da subito liti familiari che saranno sicuramente riprese da tutti i giornali spagnoli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.