SI CORRE OGGI IL PALIO DI SIENA, DEDICATO ALLA MADONNA ASSUNTA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:12

I cavalli sono pronti, la piazza sarà gremita: oggi si correrà a Siena per il Palio dedicato alla Madonna Assunta, festività celebrata ieri. Quella che è ritenuta da molti come la manifestazione e festa storica più importante e rinomata d’Italia, è una competizione tra le Contrade di Siena, nella forma di una giorstra equestre di origine medievale.

La “carriera”, come viene tradizionalmente chiamata la corsa, si svolge normalmente due volte l’anno, il 2 luglio in onore della Madonna di Provenzano e oggi, in onore della Madonna Assunta. Il nome deriva proprio dal premio: il Palio, dal latino pallium (mantello di lana), era in genere un drappo di stoffa molto pregiata che veniva utilizzato per gli scopi più svariati. A Siena, in genere, era destinato alla chiesa del rione vincitore. Quest’anno il Drappellone premio è stato realizzato con la tecnica dell’enoarte, basata sull’uso del vino rosso al posto dei colori, dalla pittrice fiorentina Elisabetta Rogai, dedicato a “terra di Siena, terra del mondo”.

Sulle origini della manifestazione, però, non si riescono ad avere informazioni certe. Secondo alcune fonti, fu probabilmente in ricordo della memorabile battaglia di Montaperti (1260) e dello scampato pericolo, che i senesi decisero di indire il famoso Palio. Il luogo deputato per la corsa è Piazza del Campo, che viene allestita per l’occasione. A correre saranno Onda, Nicchio, Tartuca, Torre, Oca, Lupa, Istrice, ma anche Valdimontone, Chioccola e Selva. La sorte ha messo di nuovo a confronto 7 delle contrade che hanno corso il 2 Luglio, e le rivalità in campo sono “da paura”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.