Roma: disinnescato ordigno esplosivo nell’auto di Marco Andrea Doria

L'oggetto conteneva polvere pirica e bulloni. Il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza di Roma potrebbe valutare un innalzamento delle misure di protezione del presidente del Tavolo per la riqualificazione di parchi e delle ville storiche capitoline. La solidarietà della sindaca in un tweet

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:04
mafia

Nel pomeriggio di oggi un passante avrebbe notato un oggetto con dei fili all’interno di un’auto, parcheggiata in via Tito Spiri, vicino Piazza Mazzini, e avrebbe dato l’allarme . Le forze di Polizia hanno poi disinnescato l’ordigno rudimentale, che – secondo quanto avrebbe appreso LaPresse – era nella Smart di Marco Andrea Doria, presidente del Tavolo per la riqualificazione di parchi e delle ville storiche di Roma, già in precedenza vittima di intimidazioni.

Sotto protezione

Scrive sempre l’agenzia che l’ordigno, contenente polvere pirica e bulloni, sarebbe potuto esplodere. Dato che non sarebbe il primo episodio di intimidazione nei confronti di Doria, il quale sarebbe già sotto protezione, avrebbe appreso Adnkronos che il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza di Roma, presieduto dal prefetto Matteo Piantedosi dovrebbe valutare un innalzamento delle tutele nei suoi confronti.

Il tweet di solidarietà

“E’ stato ritrovato un ordigno nella macchina di Marco Doria, presidente del Tavolo per la riqualificazione dei parchi e delle ville storiche di Roma. Un fatto gravissimo, esprimo la mia piena solidarietà”. Lo scrive la sindaca di Roma Virginia Raggi su Twitter.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.