Bollettino Covid: 1.400 nuovi casi e 52 decessi

Quarto giorno consecutivo senza morti collegate al virus in Trentino e in Alto Adige, mentre a Oristano non ci sarebbero persone in cura per Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:31

Il numero delle persone attualmente positive al Coronavirus in Italia è il più basso dall’ottobre 2020. In cinque Regioni e nelle due Province autonome di Trento e Bolzano non si registrano decessi nelle ultime 24 ore.

I dati

Sono 1.400 i nuovi contagiati da Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, secondo quanto riporta il bollettino quotidiano sulla diffusione del Coronavirus nel nostro Paese del Ministero della Salute. I decessi sono 52, i pazienti guariti 5.399. Continua ad allentarsi la pressione sugli ospedali con -269 ricoveri e -33 nelle terapie intensive. 203.173 i tamponi processati con un tasso di positività allo 0,7% (+0,1% rispetto a ieri). Le dosi di vaccino somministrate in totale sono 43.261.692. Le persone attualmente positive al Covid in Italia sono 101.855 (-4.051 rispetto a ieri), una cifra che non si vedeva dallo scorso ottobre.

A Oristano non ci sarebbero persone in cura per Covid. Il dato emerge dall’aggiornamento odierno sul portale regionale dedicato all’emergenza sanitaria. I casi di positività accertati sinora nella città sarda dall’inizio della pandemia sono stati 1043, i pazienti guariti sono 1015, nessuno si trova ora in cura e 26 sono stati i decessi.

Zero decessi

La casella delle morti correlate all’infezione nelle ultime 24 ore resta vuota per il quarto giorno consecutivo in Trentino e in Alto Adige. Nessuno decesso registrato nelle ultime 24 ore neanche in Liguria, in Calabria – quello conteggiato nel bollettino regionale sarebbe avvenuto a domicilio il 4 maggio scorso -, in Valle d’Aosta, in Friuli-Venezia Giulia e in Basilicata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.