LUNEDÌ 16 APRILE 2018, 12:22, IN TERRIS

La sola ragione è la pace

Riproponiamo il commento del presidente dell'Apg 23 pubblicato da Avvenire

GIOVANNI PAOLO RAMONDA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione per la pace in Siria
Manifestazione per la pace in Siria
A

ssistiamo attoniti a quanto continua ad accadere in Medio Oriente. Dove la guerra non finisce e minaccia di allargarsi. E dove l’indagine sui presunti attacchi chimici in territorio siriano, che hanno riportato la memoria alle “armi di distruzione di massa” di Saddam Hussein, più che una ricerca delle prove dei misfatti è apparsa soprattutto la ricerca di un casus belli per perseguire altri obiettivi. Poi i politici sembravano tornati alla diplomazia. Infine, la notte scorsa, l’attacco “mirato” in Siria condotto da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. Sappiamo che lo scenario è ancora in evoluzione: navi da guerra americane, russe e cinesi stanno solcando i mari. Si fatica a comprendere la diplomazia internazionale. L’unica verità evidente sono le vittime del conflitto.

"Presi dall’ansia di bene per tutti, ci sentiamo in dovere di scongiurare gli uomini, soprattutto quelli che sono investiti di responsabilità pubbliche, a non risparmiare fatiche per imprimere alle cose un corso ragionevole e umano". Facciamo nostre le parole di quella lettera scritta 55 anni fa da un uomo "buono", Papa Giovanni XXIII, nel cui titolo si spiegava tutto: Pacem in terris. Una lettera pubblicata l’11 aprile 1963, Giovedì Santo, giorno in cui si ricorda l’istituzione dell’Eucaristia, così come la consegna ai discepoli del comandamento dell’amore (Gv 13,34). Proprio per questo quella lettera fu indirizzata per la prima volta non solo ai cattolici, ma anche "a tutti gli uomini di buona volontà". Perché in essa si parla di valori universali, comuni a tutte le culture dell’unica famiglia umana.

Sappiamo il contesto in cui questa lettera fu scritta. All’indomani della crisi missilistica di Cuba, quei tredici giorni dell’Ottobre 1962 in cui l’umanità corse il rischio di suicidarsi con una guerra nucleare. L’accorato appello del Papa a Kennedy e Kruscev. Infine la malattia del Papa, che già vedeva la sua nascita al cielo – morì dopo due mesi –, e che volle lasciare al mondo il suo testamento spirituale: l’enciclica Pacem in terris. In quel contesto essa fu ritenuta da tutti, anche dai non cristiani, come l’espressione migliore delle vie per alimentare le speranze di pace e di solidarietà di tutto il genere umano. Per tale ragione ancora oggi essa è conservata negli archivi delle Nazioni Unite a New York.

"Presi dall’orrore che suscita nell’animo anche solo il pensiero delle distruzioni immani e dei dolori immensi che l’uso di armi apporterebbe alla famiglia umana; per cui riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia". Papa Giovanni XXIII seppe leggere i segni dei tempi, indicando con chiarezza i passi da compiere subito per il bene della comunità umana, anche se andavano contro gli interessi meschini di alcuni. Giovanni XXIII attaccò il consenso, allora pressoché unanime, sul concetto della guerra giusta. Un concetto messo in discussione recentemente anche da Papa Francesco.

Oggi questo sentimento di ansia mista a orrore giunge anche a noi. Dal grido dei nostri fratelli e sorelle siriani scappati dalla guerra. Vittime di un conflitto che non hanno voluto, ma importato dall’estero da quelle potenze che guardano alle nazioni come fossero uno scacchiere su cui giocare una partita, in cui a cadere sono persone umane. Per questo, con San Giovanni XXIII, anche noi chiediamo di sostituire alle armi il negoziato e ricordiamo che "Nulla è perduto con la Pace. Tutto può esser perduto con la guerra".

Papa Roncalli fu investito da una missione straordinaria. Immerso nella fede, con lo sguardo sugli uomini e la lungimiranza del profeta che legge in ginocchio, pregando, l’azione di Dio che conduce la sua Chiesa, facendo lievitare la storia. Era umile, un mite. "Beati i miti perché possederanno la terra". La beatitudine si è avverata in lui. Mite, secondo la Bibbia, è il forte che non indietreggia di fronte a nessun ostacolo, perché la sua forza viene dalla fede in Dio e dall’amore per i fratelli e sorelle in umanità. Questo è il lascito vivo di papa Giovanni XXIII. Prezioso per tutti, credenti e non credenti.

Pubblicato su Avvenire 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Loredana Guida, la donna morta ad Agrigento di malaria
IL CASO

Italia, insegnante muore di malaria

Secondo i familiari, l'ospedale ha sottostimato i sintomi. Ritornava da un viaggio in Africa
STORIE ITALIANE

Storie italiane, don Buonaiuto: "La malvagità dell'uomo va curata"

Nella puntata dedicata alla violenza sulle donne, Maria Antonietta Rositani ha ringraziato il sacerdote per la sua vicinanza
RUSSIA

Trovato il cadavere di un neonato in una lavatrice

Non è chiaro se il piccolo fosse nato morto. I casi di infanticidio in Italia
Un mercato di armi a Chantilly, Stati Uniti - Foto © Jim Lo Scalzo per European Pressphoto Agency
REPORT

Armi: Usa, Cina e Russia i produttori mondiali

Nel rapporto Sipri, Pechino passa dal quinto al secondo posto. Fra i Paesi esportatori, anche l'Italia
Il luogo del ritrovamento. Nel riquadro il giovane Marco
COLD CASE

Il giallo sulla morte Marco Cestaro, spunta la pista dei satanisti

La mamma del ragazzo non crede al suicidio e si oppone alla richiesta di archivio. Il 19 marzo l’udienza decisiva
Un ufficiale indossa la mascherina mentre è di turno nella Città Proibita, a Pechino - Foto © Nicolas Asfouri per AFP
CINA

Coronavirus, il contagio non si ferma

Un centinaio i morti, un caso sospetto anche in Italia
Agente penitenziario
SASSARI

La sorella di un detenuto: "Mio fratello pestato da poliziotti"

Il provveditore regionale delle carceri Veneziano farà oggi un sopralluogo nell'istituto di pena di Bancali
POLITICA

Dopo il voto regionale, i partiti guardano alle prossime sfide

Il ministro Bonafede in Parlamento per affrontare il tema della riforma della giustizia. Intanto, fissata al 29 marzo la data del...
Donald Trump e Benyamin Netanyahu
USA

Oggi Trump svela il "piano di Pace" per il Medio Oriente

"Può essere l'occasione del secolo", ha detto "e piacerà anche al leader...
Microcredito
CATANIA

Microcredito: un aiuto per le famiglie catanesi in difficoltà

Tra il 2009 e il 2019 la Caritas diocesana ha erogato quasi 800mila euro
Preghiera del rosario
PRO VITA & FAMIGLIA

Genova: un rosario in piazza contro la blasfemia

Organizzato per pregare contro la cristianofobia e difendere l'identità religiosa
Ambulanza
L'ALLERTA

Coronavirus, primo caso in Germania

Si tratta di un cittadino bavarese, dato in buone condizioni ma in isolamento. Intanto sale a 106 il numero delle vittime
Kobe Bryant
IL LUTTO

La grande conversione di Kobe Bryant

Il fuoriclasse del basket era un campione anche fuori dal campo, impegnato in decine di iniziaive benefiche
OLTRE I LIMITI

Io, intrappolata nel corpo di una bambola

La storia di chi, fin dalla più tenera età, ha dovuto scontrarsi con i pregiudizi degli altri
Sfruttamento

Vecchi e nuovi Olocausti

Si è appena conclusa la celebrazione della Giornata della Memoria istituita per non dimenticare le...
Urna delle Regionali emiliane

Regionali, equilibri e squilibri del dopo voto

Al voto in due sole regioni – benché importanti e simboliche come l’Emilia-Romagna - era stato...