Brexit, Tusk alla May: “Negoziati già abbastanza difficili. Serve moderazione e rispetto” Il presidente del Consiglio europeo ha spiegato che "la posta in gioco è troppo alta per permettere che le emozioni ci sfuggano di mano"

189
tusk

Perché i negoziati sulla Brexit abbiano successo “abbiamo bisogno oggi di discrezione, moderazione, rispetto reciproco e il massimo della buona volontà”, perché “se iniziamo a litigare ancor prima che inizino, diventeranno impossibili”. E’ questo l’ammonimento del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, dopo il premier britannico Theresa May ha accusato l’Ue di minacciare il Regno Unito e di tentare di influenzare il voto anticipato dell’8 giugno.

La posta in gioco è troppo alta per abbandonarsi alle emozioni

“Questi negoziati sono già abbastanza difficili – ha spiegato Tusk durante una conferenza stampa con la premier norvegese, Erna Solberg -. La posta in gioco è troppo alta per permettere che le nostre emozioni ci sfuggano di mano. In gioco c’è la vita quotidiana e gli interessi di milioni di persone su entrambe le sponde del canale”.

La Commissione Ue: “Troppi impegni per occuparci del voto Gb”

La Commissione ha “troppo da fare” per occuparsi delle elezioni nel Regno Unito del 8 giugno, ha detto il portavoce dell’esecutivo comunitario, Margaritis Schinas, rispondendo alle accuse di Theresa May su un presunto tentativo dell’Unione europea di influenza il voto. “Non siamo naif. Sappiamo che c’è un’elezione nel Regno Unito e la gente si agita”, ha spiegato Schinas. “Queste elezioni sono principalmente sulla Brexit, ma qui a Bruxelles siamo impegnati con il nostro lavoro. Quando avremo un governo britannico dopo le elezioni, avvieremo i negoziati in modo costruttivo sull’articolo 50 per i quali siamo pronti”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS