Obama contro Trump: “Non possiamo affidare i codici nucleari a un individuo stravagante” Il presidente ha parlato in un comizio a sostegno di Hillary Clinton tenuto alla Florida Memorial University

287
isis

“Io concordo con il senatore americano, un Repubblicano, che un po’ di tempo fa disse che non possiamo permetterci di affidare i codici nucleari degli Stati Uniti ad un individuo stravagante“. Parole del presidente Usa Barck Obama, riferendosi al candidato Gop alla Casa Bianca Donald Trump, nel corso di un comizio a sostegno di Hillary Clinton tenuto alla Florida Memorial University. “A proposito, sapete chi lo ha detto? – ha proseguito Obama – Marco Rubio”. Il senatore della Florida Rubio, intervenendo a Miami quando era ancora in corsa per la nomination Repubblicana, aveva detto che non è possibile affidare i codici nucleari ad un individuo stravagante come Trump.

Inoltre, ha poi ricordato Obama, Rubio definì Trump un pericoloso artista della truffa che aveva impiegato la sua carriera a prendersela con i lavoratori. “Come può definirlo un artista della truffa e pericoloso e obiettare a tutte le cose controverse che ha detto, e poi dire: “Comunque voterò per lui”?”, si è chiesto Obama. Rubio ha infatti confermato il suo appoggio al magnate newyorkese. “Questo è l’indizio di una persona che dirà qualunque cosa, farà qualunque cosa, sosterrà di essere qualunque cosa pur di essere eletto. Se sei disposto a essere chiunque pur di essere qualcuno, allora non eserciti la leadership di cui la Florida ha bisogno nel Senato americano”, ha attaccato Obama.

Rivolto ai quasi 3000 sostenitori, Obama si è chiesto come i Repubblicani possano appoggiare un candidato che chiama le donne “maiali”, minaccia di ridurre al silenzio la stampa, di costruire un muro tra il Messico e gli Usa, far incarcerare i suoi oppositori, espellere i musulmani dal paese e appoggia il presidente russo. “Se avete dedicato la vostra carriera a idolatrare Ronald Reagan, dove eravate quando il vostro candidato alla presidenza si ingraziava Vladimir Putin, l’ex ufficiale del Kgb?”, ha chiesto Obama ironicamente.

“La retorica elettorale di Donald Trump è pericolosa”, ha poi concluso il premio Nobel, riferendosi ai dubbi sollevati dal tycoon sulla legittimità delle elezioni: “Sta facendo il lavoro dei nostri avversari – ha detto il presidente degli Stati Uniti – perché la nostra democrazia dipende dalle persone che sanno che il loro voto conta”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS