Super sbadigli? Non sono sintomo si noia, ma di intelligenza Lo studio si basa sull'analisi di durata, "dimensioni" dello sbadiglio e dimensioni del cervello di 109 individui di 19 specie diverse

202
sbadigli

Rivoluzione scientifica nel campo degli sbadigli che sembra confermare il vecchio detto l’apparenza inganna. Da sempre lo sbadiglio viene accomunato a una reazione involontaria di chi prova noia o difficoltà nel prestare attenzione, ma invece potrebbe essere un segno di intelligenza.

E’ quanto sostengono gli autori di uno studio che è stato pubblicato sulla rivista Biology Letters, condotto presso la State University of New York a Oneonta. La ricerca svela che più a lungo si sbadiglia, più è grande il proprio cervello e più si è intelligenti.

Lo studio si basa sull’analisi di durata, “dimensioni” dello sbadiglio e dimensioni del cervello di 109 individui di 19 specie diverse (conigli, gatti, elefanti, cani e naturalmente esseri umani). Gli esperti hanno visto che le ”dimensioni” dello sbadiglio sono correlate non alla grandezza della mascella ma a quella del cervello. Inoltre più la specie è “evoluta”, intelligente, più grande è lo sbadiglio che farà.

Invece, per quanto riguarda la differenza di sbadiglio tra persona e persona, il coordinatore della ricerca, Andrea Gallup, ha spiegato che è ipotizzabile che gli individui che sbadigliano aprendo di più la bocca siano dotati di un cervello più grande della norma e probabilmente anche di più intelligenza. Però per confermare quella che fino ad ora è solo un ipotesi serviranno ulteriori studi.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS